Menu

La Notaria del Corso

Notizie sugli scaffali 

header photo

Blog Posts

Roberto Grossi - “GAZA (canzone per i bambini nel buio)” feat. Alessandra Ravizza

Il cantautore savonese torna con un brano rock d’impegno civile
dedicato ai bambini palestinesi

«Non mi illudo certo che una banale canzone possa cambiare qualcosa, è forse più un'esigenza personale di sfogare l’angoscia e la rabbia per questa tragedia. Ma credo che comunque sia importante…

Read more

Boccuto - “Cinema a metà”

Il singolo del cantautore di Monza è una ballad introspettiva che anticipa suoni e atmosfere del nuovo disco previsto per la prossima primavera

«In questa canzone c’è l’ineluttabile operatività del mio cervello, le montagne russe umorali in cui mi ritrovo a vivere tutti i giorni passando…

Read more

Francesco Lattanzi - Vincent e le stelle

Una ballade sul delicato tema del suicidio e dell’isolamento sociale.

Un omaggio musicale alla poesia di Don Mc Lean dedicata a Van Gogh

 

 

Sentirsi rifiutati dagli altri viene vissuto come una colpa. Van Gogh può rappresentare un esempio di questo autoisolamento, la modernità c…

Read more

A.V.V.Ω.L.T.E. - Fenice

Un brano rock che parla di rinascita, primo estratto dall’ep omonimo della band torinese

 

 

“Fenice” è un brano che parla di rinascita e della capacità di risalire dal baratro in cui le difficoltà della vita ti hanno lasciato cadere. Evocando la creatura mitologica, capace di b…

Read more

Fabio De Vincente feat. ALYOSHA (Olena Topolia), la star Ucraina

“Via dall’Inferno” (“Розбити Вавилон”)

Un brano che parla di salvezza nell’estenuante lotta tra il bene e il male

Un canzone unica nel suo genere data la particolarità del duetto tra una cantautrice ucraina ed un cantautore Italiano in questo preciso momento stori…

Read more

Rita Zingariello - Al di là delle stelle l’Ep

Esce il nuovo ep della cantautrice pugliese, materana d’adozione.

Cinque cover e un brano originale che anticipano il nuovo album di inediti previsto per la primavera

«Questo EP è per me come la notte che porta consiglio, è come cercare stelle e desideri sognati in un cielo annebbiato. È…

Read more

AVVOLTE - Ecco “Fenice”

L’EP che segna la rinascita della band torinese
 

Un EP, che proprio come la fenice, segna la rinascita della storica band torinese, che dopo qualche anno di silenzio ritorna sulle scene, più viva che mai.

Fenice” è composto da 5 brani molto diversi fra loro e che scorrono veloceme…

Read more

Rita Zingariello - Al di là delle stelle l’Ep

Esce il nuovo ep della cantautrice pugliese, materana d’adozione.

Cinque cover e un brano originale che anticipano il nuovo album di inediti previsto per la primavera

«Questo EP è per me come la notte che porta consiglio, è come cercare stelle e desideri sognati in un cielo annebbiato. È…

Read more

Mārcy feat. Fast PHS - Il singolo “Ali nel fango”

Il brano dell’artista sugli stores digitali e nelle radio

 

 

Ali nel fango” è il singolo dell’eclettica Mārcy con il featuring di Fast PHS (produzione Næmesis), sui principali stores digitali e dal 2 febbraio nelle radio in promozione nazionale. Produzione impeccabile dag…

Read more

Alex-X - “Good night”

Il nuovo singolo dell’artista romano ha fatto il suo ingresso nella playlist Top 50 Italia di Spotify nel primo weekend dall’uscita

«”Good night” mi ha fatto capire che di notte possiamo brillare, come una stella, con le idee chiare che prima o poi porteranno la serenità.» Alex-X

Read more

View older posts »

Blog Component

Roberto Grossi - “GAZA (canzone per i bambini nel buio)” feat. Alessandra Ravizza

Il cantautore savonese torna con un brano rock d’impegno civile
dedicato ai bambini palestinesi

«Non mi illudo certo che una banale canzone possa cambiare qualcosa, è forse più un'esigenza personale di sfogare l’angoscia e la rabbia per questa tragedia. Ma credo che comunque sia importante non tacere, non voltarsi dall'altra parte di fronte ad un simile orrore. Io l'ho fatto così.» Roberto Grossi

 

"Gaza è un brano che Roberto Grossi ha scritto e pubblicato nel 2009 con la band “Subbuglio!”, dedicato ai bambini della Striscia stremati dai bombardamenti e dalla distruzione delle operazioni militari israeliane.

Di fronte alla drammatica situazione attualmente in corso il cantautore decide di ripubblicare la canzone all’interno del suo progetto solista ricantandola insieme ad Alessandra Ravizza (cantante dei Rebis).

Per aumentare l’impatto del messaggio contenuto nella canzone Roberto Grossi ha personalmente realizzato il videoclip che descrive con queste parole:

Quello in corso a Gaza è stato definito come il primo genocidio documentato e filmato in diretta delle stesse vittime. Sono filmati di reporter e di semplici cittadini; alcuni di loro probabilmente oggi non sono più vivi.

GUARDA IL VIDEOCLIP 

Il brano è stato suonato da Antonio Di Salvo alle chitarre, Roberto Rosa al basso, Cristiano Carcano alla batteria e Alessio Briano alle tastiere.

La pre-produzione è stata affidata ad Alessandro Mazzitelli, mentre i mixaggi e il mastering sono stati realizzati da Marco Barusso, uno dei più noti sound engineer italiani.


Architetto, organizzatore e direttore artistico di eventi culturali, Roberto Grossi ha militato come cantante e autore di musiche e testi nella band “Subbuglio!” con cui ha realizzato un album, alcuni singoli, numerosi concerti e spettacoli teatrali.

Il brano è il terzo singolo, dopo “Ma quando vieni al mare” uscito lo scorso giugno e “Chiama Quando Vuoi” pubblicato ad ottobre, che anticipa l’album in uscita il prossimo mese di Marzo, suo primo lavoro come cantautore solista, nato dall’incontro con la producer e cantautrice bolognese Helle (Lisa Brunetti), che ne ha curato gran parte degli arrangiamenti.
 

Etichetta: Volume!

Edizioni: Orzorock Music

 

CONTATTI / SOCIAL

 

https://www.instagram.com/robertogrossi_musica/

 

https://www.facebook.com/profile.php?id=100063606012221

 

https://open.spotify.com/intl-it/artist/7BOOib4UXl88ySXqnr1l0L?si=qOwidnRLTpWMxcv1GShlHw

Boccuto - “Cinema a metà”

Il singolo del cantautore di Monza è una ballad introspettiva che anticipa suoni e atmosfere del nuovo disco previsto per la prossima primavera

«In questa canzone c’è l’ineluttabile operatività del mio cervello, le montagne russe umorali in cui mi ritrovo a vivere tutti i giorni passando dalla commedia alla tragedia, con un finale dove sbatto la porta ma uscendone con ironia.» Boccuto

 

Boccuto apre la strada verso il suo primo album di inediti con una ballad dal testo teatrale che trascina l’ascoltatore all’interno del mondo intimo del suo autore.

Cinema a Metà” è una canzone che vuole far riflettere sull’accettazione del momento di buio in quest’epoca in cui ci sentiamo forzati a raccontare che tutto sia sempre bello e positivo.

Il brano si arricchisce di intensità sonore internazionali grazie alla visione condivisa da Boccuto con il musicista Claudio Cupelli, in arte KUPO, artista eclettico con un approccio “umile” al servizio della musica come forma d’arte.

 

Cinema a metà” è il primo tassello del nuovo album di inediti di Boccuto, “Il cielo non cade mai”, in uscita a maggio 2024 per l’etichetta Volume!

 

Boccuto (nome completo Marco Boccuto) è un cantautore e musicista nato il 21 marzo 1992 a Monza. Suona il pianoforte e la chitarra acustica e si fa le ossa suonando in contest e circuiti provinciali sia come solista che come membro di diverse band.

Nel 2017 realizza un’iniziativa unica nel suo genere con il suo “Concerto al buio”, un’esperienza sensoriale che amplifica l’impatto di ascolto, organo di senso su cui prende 2 lauree specialistiche e su cui oggi pone le sue basi professionali e imprenditoriali.

Nel 2018 rilascia il video “Forse no” disponibile su YouTube e nei principali digital store. Seguono i singoli Boom boom, “Lo scontro perfetto” e “Come faremo?”.

Insieme al produttore e chitarrista Claudio “Kupo” Cupelli sta lavorando alle canzoni del suo primo disco dal titolo “Il cielo non cade mai”, atteso per maggio 2024 per l’etichetta Volume!.

Il 16 febbraio 2024 è prevista l’uscita di “Cinema a metà”, primo singolo estratto dal nuovo lavoro.

 

Etichetta: Volume!

Radio date: 16 febbraio 2024

 

CONTATTI / SOCIAL

 

https://www.instagram.com/marcoboccuto/


https://www.facebook.com/MarcoBoccuto.MB


https://www.instagram.com/marcoboccuto/

Francesco Lattanzi - Vincent e le stelle

Una ballade sul delicato tema del suicidio e dell’isolamento sociale.

Un omaggio musicale alla poesia di Don Mc Lean dedicata a Van Gogh

 

 

Sentirsi rifiutati dagli altri viene vissuto come una colpa. Van Gogh può rappresentare un esempio di questo autoisolamento, la modernità ci insegna che sempre più persone soprattutto nei Paesi ricchi e sviluppati si recludono non trovando il sostegno di una società egoista che li ignora. Il suicidio a volte è l’unica estrema soluzione, ma a morire sono innanzitutto la comprensione del prossimo e la solidarietà.

 

«“Vincent e le stelle”, il cui titolo mi è stato suggerito da Gianni Ferretti, è un omaggio alla poesia di Don Mc Lean e ad uno degli artisti più geniali e controversi della nostra storia. Ho scelto di inserire la canzone nell’album perché il tema del suicidio e dell’isolamento sociale che riguardano Vincent sono stati e sempre saranno temi purtroppo di attualità sociale, e questo fino a che la nostra civiltà vivrà (per parafrasare una parte del testo). Ma la parte che trovavo più interessante della vicenda di Van Gogh, era la sua presunta pazzia, è da lì che sono partito ed è su quello che mi sono concentrato per lavorare sull’adattamento del testo originale. E come a volte accade, solo a distanza di tanti anni, noi posteri ci accorgiamo che tra lui e chi gli stava intorno, il pazzo forse non era il pittore.» Francesco Lattanzi

 

Il videoclip che accompagna l’uscita del singolo è stato girato tra Roma e Ciciliano, all’interno di un castello che conserva resti intatti del 1800. È stato interpretato da Andrea Pittorino (“Gli anni più belli” di Gabriele Muccino, “La vita possibile” con Margherita Buy) e Chiara Lo Faso.

La regia è di Daniele Coccia che parla così del video:

«Il videoclip di “Vincent e le stelle” non è un video didascalico, e non vuole esserlo per scelta.
Mentre il testo racconta Vincent e le sue irrisolvibili angosce, il piano narrativo visivo mostra un Vincent diverso, innamorato (a modo suo), ma pur sempre schiacciato dalle sue inquietudini. Ed è così che “il gesto disperato” cantato da Francesco, si tramuta in un bacio tenero e prezioso, talmente magico da strappare un sorriso a quell’uomo tormentato per accompagnarlo, mano nella mano, verso un finale che non sapremo mai».

 

 

 

 

“Alla morte” è il concept album da cui è tratto questo nuovo singolo, un album che parla di geopolitica e di rapporti fra nazioni.

Racconta di come le società dei Paesi evoluti stiano subendo una pericolosa involuzione, abbandonando progressivamente quei valori fondamentali e indispensabili al comune benessere. Ogni canzone narra un fatto luttuoso, ma la morte che più spaventa, ed è a questa morte che l’album è dedicato, è quella delle virtù, delle qualità, dei valori morali, in una parola della civiltà e della nostra umanità.

 

Francesco Lattanzi nasce a Roma nel maggio 1972. Dall’età di 5 anni inizia ad avvicinarsi alla musica studiando da autodidatta. Nel 1981, suo cugino gli fa ascoltare “La voce del padrone” album appena pubblicato da Franco Battiato e, come di fronte a una folgorazione, il cantautore siciliano diventerà un riferimento imprescindibile per tutti gli anni ’80. In adolescenza sviluppa la passione per la scrittura. Sempre durante quegli anni prova ad avvicinare testi e musiche, ma arriva tardi alle prime vere e proprie canzoni. “Pietrogrado” e “Turno di notte” (canzoni contenute nel disco d’esordio dal titolo "Turno di notte”) sono i primi brani completi di testo e musica, messi su pentagramma. In questi anni da preponderanza all’aspetto letterario a scapito di quello musicale, spesso i testi (che prendono anche mesi e a volte anni di stesura) nascono interamente privi di musica, composta ad hoc solo successivamente. Subito dopo la laurea in lingue dell’Europa orientale, inizia a collaborare con il compositore e arrangiatore Gianni Ferretti. Parte del materiale viene inviato come demo a varie etichette discografiche e a rispondere per prima è la DC Records Italy di David Costa. Con questa etichetta firma nel settembre 2011 un contratto di tre anni e pubblica i due singoli “La volpe restò senza fiato” (che diventerà un video realizzato e diretto da Marco Mazzei) e “Uischi in de giar” (cover di un famoso brano folk irlandese). Nell’agosto del 2013 arriva, con la stessa etichetta, la pubblicazione del primo album “Turno di notte”. A Tivoli, dove da sempre risiede, nel 2015/2016 inizia le prime prove di registrazione di un nuovo album con la collaborazione di Andrea Mattei. Entra in contatto con il regista bielorusso Dmitrij Dedok, a cui assegna il compito di scrivere la sceneggiatura e dirigere il video per il brano “Gli angeli di Horlivka”, scelto come primo singolo del nuovo disco. Il videoclip viene interamente girato in Bielorussia. La lavorazione del disco richiede ancora diversi anni e il 18 maggio 2022 pubblica un omaggio a Battiato, ad un anno dalla scomparsa, registrando in video (con la regia di Daniele Coccia) la “Prospettiva Nevskij” presso il Jungle Music Factory.  Bisogna attendere proprio la primavera del 2022 per completare le ultime registrazioni dell’album. In estate hanno luogo missaggio e mastering. Per l’uscita del primo singolo si sceglie la data dell’11 gennaio 2023, anniversario della scomparsa di Fabrizio De André, altro artista che ha molto influenzato Francesco.

Il concept album “Alla morte” esce il 17 febbraio 2023.

 

Contatti social

SITO WEB

YOUTUBE 

FACEBOOK

A.V.V.Ω.L.T.E. - Fenice

Un brano rock che parla di rinascita, primo estratto dall’ep omonimo della band torinese

 

 

“Fenice” è un brano che parla di rinascita e della capacità di risalire dal baratro in cui le difficoltà della vita ti hanno lasciato cadere. Evocando la creatura mitologica, capace di bruciare e risorgere dalle ceneri, gli AVVOLTE cantano la necessità di superare il fuoco delle difficoltà e tornare a nuova vita.

 

Lo fanno con un brano rock che si articola su un groove potente di basso distorto e batteria, dove trova spazio la voce di Christian Torelli, aggressiva e armoniosa.

Una canzone da ascoltare ad alto volume, e che proprio come la fenice brucerà e lascerà un segno.

Nulla ci è più nemico di noi stessi” - Con questa citazione di Cicerone si apre il video di “Fenice”. Un video nichilista, sporco di terra e sangue, dove il fuoco e la cenere fanno da background a un racconto, crudo e senza compromessi, di chi ha perso tutto a causa della guerra. Scritto dalla band e diretto da Stefano Cannarozzo è una produzione Serotonina.

 

Gli AVVOLTE sono una storica rock band torinese formatasi nel 1998, composta da Christian Torelli (voce e chitarra), Davide Cortese (basso), Mario Arisci (batteria e synth).

La band ha all’attivo 3 album e un EP di nuova pubblicazione e negli anni hanno condiviso i palchi con artisti come Max Gazzè, Afterhours, Nada Surf, Marlene Kuntz, Lydia Lunch, Gallon Drunk e tanti altri.

Gli AVVOLTE sono da sempre attenti alle tematiche sociali come nel videoclip “Per essere viva” che affronta la tematica della violenza sulle donne e “Nessuna rete” dedicato alle morti sul lavoro, brano pubblicato con la rivista XL di Repubblica (35.000 copie vendute) e premiato al Mei di Faenza.

Infine con il brano “Fenice” la band ha realizzato un flash mob, a Torino in Piazza Castello, in collaborazione con EMERGENCY, per sensibilizzare le persone sulle conseguenze che la guerra sta avendo sui civili vittime dei conflitti.
 

CONTATTI / SOCIAL

www.avvolte.it

YouTube

Spotify

Fabio De Vincente feat. ALYOSHA (Olena Topolia), la star Ucraina

“Via dall’Inferno” (“Розбити Вавилон”)

Un brano che parla di salvezza nell’estenuante lotta tra il bene e il male

Un canzone unica nel suo genere data la particolarità del duetto tra una cantautrice ucraina ed un cantautore Italiano in questo preciso momento storico. Un brano intenso e profondo che parla di salvezza in questo periodo di guerra che l’Ucraina e non solo stanno vivendo.

 

Ora Fabio De Vincente e ALYOSHA sono a Kiev, nonostante i giornalieri bombardamenti, per la promozione del brano nelle maggiori trasmissioni tv, radio e media nazionali e sono ospiti dei maggiori influencer del paese.

                                               

Il brano è nato una notte durante il lock down del 2020 mentre Fabio stava attraversando un periodo difficile della sua vita. L’opera è rimasta nel cassetto fino a gennaio 2023 quando il cantautore ha deciso di contattare ALYOSHA (Olena Topolia), una delle cantanti ucraine più famose e apprezzate nel mondo, per proporle una collaborazione. Dato che la canzone non aveva ritornelli,  ma solo un coro, è stato quello lo spazio in cui si è insediata la creatività di ALYOSHA, la quale ha scritto il testo e la melodia dei ritornelli nella sua lingua madre.

 

«Ho scritto ad ALYOSHA perché a questa canzone mancava proprio lei. Conoscevo il suo valore artistico e sentivo che era molto vicina al mio stile. Parliamo la stessa lingua dell'anima.» Fabio De Vincente

«Il contenuto della canzone mi è sembrato molto importante e vicino. Nei ritornelli, ho metaforicamente controbilanciato le manifestazioni egoistiche, il cui simbolo è la Torre di Babele.» Alyosha

Il brano è stato prodotto da Fabio De Vincente con Luca “Vicio” Vicini (bassista dei Subsonica e produttore musicale), gli archi eseguiti da Simone Rossetti Bazzaro (violinista di Zucchero e molti altri) e masterizzato da Giovanni Versari (vincitore di un Grammy).

 

 

Il video è stato diretto dal regista americano Chris Andrade e le riprese si sono svolte a New York. Fabio è in un vortice di emozioni e in uno stato di profonda sofferenza. Incapace di trovare pace, vaga per la città immerso nei suoi ricordi e lotta con i propri demoni interiori. Appare ALYOSHA, la sua voce interiore, ad indicargli la via verso la sua parte buona cosciente nella lotta tra il bene e il male.

E' lei a condurre Fabio verso un futuro e una vita migliore.

                                                     

Fabio De Vincente indossa abiti del brand “Carlo Pignatelli” con cui ha iniziato una collaborazione.

 

 

ALYOSHA (Olena Topolia) è la star Ucraina tra le più popolari nel mondo. Nel 2010, con la canzone Sweet people, ha rappresentato l'Ucraina all'Eurovision Song Contest internazionale di Oslo ed è entrata nella top ten del continente. Nel 2023 è tornata come ospite all'Eurovision di Liverpool. Ha all’attivo numerosi album e singoli con milioni di views e centinaia di migliaia di followers su social e piattaforme.                                                                                                                                       Vincitrice di numerosi premi prestigiosi, tra cui: M1 Music Awards, "Golden Firebird", YUNA, "Golden Gramophone" Ucraina, "Song of the Year", Viva!. Inclusa nella TOP 5 dei cantanti più itineranti del paese. Secondo TOP HIT, le canzoni di ALYOSHA sono in rotazione su tutte le stazioni radio ucraine e occupano posizioni di primo piano nelle classifiche radiofoniche. Ha preso parte a molte iniziative sociali e tenuto incontri nei centri di riabilitazione con soldati e veterani dell'ATO. Ha inoltre lo status di partner dell'UNICEF in Ucraina. ALYOSHA è sposata con il frontman della band "Antitila" Taras Topolei, invitato da Amadeus con la sua band ad esibirsi alla serata finale del Festival di Sanremo 2023.

Fabio De Vincente: L'arte di Fabio De Vincente definito “l’aristocratico di strada” racchiude in sé tutto quello che è stato ed è il suo stile di vita. A 11 anni inizia a scrivere canzoni e successivamente fa esperienza suonando piano e voce nei club più prestigiosi d’Italia e all’estero e per eventi privati esclusivi. Ospite in programmi TV come da Maurizio Costanzo su Rai 1 ed è stato testimonial di una campagna sulla sicurezza stradale nazionale. Finalista 3 volte al Festival di Sanremo Giovani, concorrente di The Voice of Italy e le sue canzoni sono entrate a far parte delle colonne sonore di alcuni film. Fabio De Vincente è cantante, autore, compositore e produttore polistrumentista dei suoi brani. Dal 2021 tutti i singoli del suo nuovo progetto entrano nelle classifiche conquistando articoli e passaggi su testate e radio nazionali. A dicembre 2022 esce l’album “VINCENTE” recensito molto bene dalla critica.

 

CONTATTI / SOCIAL

Digital store

 

ALYOSHA (Olena Topolia):

Instagram

Facebook

YouTube

 

Fabio De Vincente:

Instagram

YouTube

Spotify

TikTok

 

Rita Zingariello - Al di là delle stelle l’Ep

Esce il nuovo ep della cantautrice pugliese, materana d’adozione.

Cinque cover e un brano originale che anticipano il nuovo album di inediti previsto per la primavera

«Questo EP è per me come la notte che porta consiglio, è come cercare stelle e desideri sognati in un cielo annebbiato. È per me la vigilia del ritorno, il tempo dell’amore e di una maturità semplice». Rita Zingariello


Dentro “Al di là delle stelle”, troviamo sei tracce, cinque cover e un brano originale della cantautrice pugliese. È una sessione di registrazione live, senza possibilità di correzioni. Crudo e semplice, voce e chitarra, con errori annessi e solo qualche sovraincisione concessa.

 

Questo nuovo lavoro di Rita Zingariello nasce dalla voglia di catturare un momento di creatività, sostenuto dal piacere di interpretare in chiave minimale alcune canzoni note e meno note della musica italiana e internazionale. Troviamo infatti tra i brani di Lucio Dalla e Pino Daniele la famosissima “Fragile”, brano della superstar inglese Sting o la canzone in lingua portoghese di Patrizia Laquidara “Noite Luar”. La title track invece è un brano della stessa Zingariello, contenuto nella sua versione originale nell’album d’esordio “Frammenti simili” (2014).

 

Sei brani che anticipano dunque il nuovo album di inediti di Rita Zingariello, previsto per la primavera 2024.

 

Track by track:

1. Al di là delle stelle - È tempo di connetterci con lo spazio che non ha materia. È tempo di amare anche senza possibilità di abbracciare fisicamente. È tempo di non disperare e di continuare ad amare forte al punto che quel sentimento possa sollevarsi per arrivare a toccarsi ancora una volta.

2. Fragile - È tempo di ricordare quanto siamo fragili e di quanto la violenza non abbia mai reso forte nessuno. È tempo di pace, deve finalmente essere tempo di pace.

3. Guardastelle - È tempo di credere che si può ancora avere fiducia nell’altro. È tempo di sognare che le favole non sono sempre e solo finzione.

4. Noite Iuar - È il tempo degli amanti e degli amori dispersi che sognano di perdonarsi e ritrovarsi

5. Notte che se ne va - È tempo di sentirsi affascinati dal silenzio e dalla profondità della voce della notte. È tempo di chi riposa, di chi non trova pace e di chi vive mentre un altro dorme.

6. Stella di mare - È tempo di delicatezza e passione. È tempo di osservare chi ti dorme accanto e scoprire che è esattamente lì che sognavi di stare. Tra la terra e il cielo.

 

Registrato da Francesco Altieri in presa diretta presso il Labsonic Recording Studio di Matera con la partecipazione alla chitarra di Domenico Lopez.

 

Rita Zingariello è di origini pugliesi. Esordisce nel 2008 con “È alba”, un ep di cinque canzoni. Tra il 2012 e il 2016 ottiene molti riconoscimenti in premi a valenza nazionale: Frequenze Mediterranee, Festival della Canzone Friulana, Voci per la libertà per Amnesty International, UP, Festival dell’Alta Murgia, Red Bull Tour.

Il suo primo album è “Possibili percorsi”, prodotto dal polistrumentista trentino Phil Mer. Dopo aver aperto concerti di Gino Paoli, Paola Turci, Mario Venuti, PFM e molti altri, collabora con Mogol per uno spettacolo incentrato sulle canzoni del grande autore.

Nella primavera del 2018 pubblica “Il canto dell’ape”, secondo album che riceve una serie di riconoscimenti: riceve menzioni al Premio InediTo, al Premio Pigro per Ivan Graziani, al Premio Peppino Impastato ed è inoltre vincitrice assoluta della prima edizione del Premio Pascoli, musicando “Patria” del poeta romagnolo. Il disco viene accolto molto positivamente da pubblico e critica. Nel 2019 realizza un progetto ambizioso: un doppio album, distribuito su supporto USB, in cui raccoglie trenta cover arrangiate con gusto e interpretate con originalità, dal titolo “I giganti e la bambina – canzoni a richiesta”, un lavoro finalizzato alla raccolta fondi per il progetto “Respira bellezza” della Fondazione Francesca Divella, che offre assistenza psicologica ai pazienti oncologici.

Tra il 2019 e il 2020 è stata impegnata in un tour teatrale in tutta Italia, dedicato a questo ultimo lavoro discografico (Sanremo, Bari, Roma, Bisceglie, Reggio Calabria).

Durante la pandemia è notata dal critico musicale Michele Neri che la invita a partecipare alla trasmissione televisiva “Settenote” di Gigi Marzullo su Rai1 con la canzone “Risalire”.

Il 26 gennaio 2024 esce il singolo “Al di là delle stelle”, primo estratto dell’ep che porta lo stesso titolo in uscita il 30 gennaio.

Il nuovo album di inediti è atteso per la primavera del 2024.

 

CONTATTI / SOCIAL
https://www.instagram.com/ritazingariello/
https://www.youtube.com/c/RZingariello
https://open.spotify.com/intl-it/artist/093Q4bRqwhFg5CV0XT56vr

AVVOLTE - Ecco “Fenice”

L’EP che segna la rinascita della band torinese
 

Un EP, che proprio come la fenice, segna la rinascita della storica band torinese, che dopo qualche anno di silenzio ritorna sulle scene, più viva che mai.

Fenice” è composto da 5 brani molto diversi fra loro e che scorrono velocemente.

Il brano d’apertura “Welcome” è un granitico power rock che fa una lucida e cinica analisi della società moderna. Il secondo brano “Roger” è un rock anomalo che, fra ritmi “ossessivo-compulsivi” e citazioni musicali inaspettate, è un inno al coraggio nell’affrontare le proprie paure.  “Guerra e pace” è invece una intensa ballad acustica che racconta in modo originale la fine di una lunga e tormentata storia d’amore.

Il giro di boa con il quarto brano spetta a “Face to Face”, pop-rock energico e dal sound profondo, che tratta il tema delle relazioni fra le persone spesso filtrate e appannate dalla tecnologia. Infine “Fenice”, oltre a dare il nome all’ EP chiude il progetto con vigore ed energia positiva.  

 

Gli AVVOLTE sono una storica rock band torinese formatasi nel 1998, composta da Christian Torelli (voce e chitarra), Davide Cortese (basso), Mario Arisci (batteria e synth).

La band ha all’attivo 3 album e un EP di nuova pubblicazione e negli anni hanno condiviso i palchi con artisti come Max Gazzè, Afterhours, Nada Surf, Marlene Kuntz, Lydia Lunch, Gallon Drunk e tanti altri.

Gli AVVOLTE sono da sempre attenti alle tematiche sociali come nel videoclip “Per essere viva” che affronta la tematica della violenza sulle donne e “Nessuna rete” dedicato alle morti sul lavoro, brano pubblicato con la rivista XL di Repubblica (35.000 copie vendute) e premiato al Mei di Faenza.

Infine con il brano “Fenice” la band ha realizzato un flash mob, a Torino in Piazza Castello, in collaborazione con EMERGENCY, per sensibilizzare le persone sulle conseguenze che la guerra sta avendo sui civili vittime dei conflitti.

Etichetta: BangSbang Record

 

CONTATTI / SOCIAL
www.avvolte.it/
https://www.youtube.com/channel/UCrHcE85qBpWqBJE43IGwYew
https://open.spotify.com/intl-it/artist/4wPkDAmgbW9PzXH4nXsNz6?si=g0z0m-EPRLOfnMkhnEQ5Pg

 

 

 

 

Rita Zingariello - Al di là delle stelle l’Ep

Esce il nuovo ep della cantautrice pugliese, materana d’adozione.

Cinque cover e un brano originale che anticipano il nuovo album di inediti previsto per la primavera

«Questo EP è per me come la notte che porta consiglio, è come cercare stelle e desideri sognati in un cielo annebbiato. È per me la vigilia del ritorno, il tempo dell’amore e di una maturità semplice». Rita Zingariello


Dentro “Al di là delle stelle”, troviamo sei tracce, cinque cover e un brano originale della cantautrice pugliese. È una sessione di registrazione live, senza possibilità di correzioni. Crudo e semplice, voce e chitarra, con errori annessi e solo qualche sovraincisione concessa.

 

Questo nuovo lavoro di Rita Zingariello nasce dalla voglia di catturare un momento di creatività, sostenuto dal piacere di interpretare in chiave minimale alcune canzoni note e meno note della musica italiana e internazionale. Troviamo infatti tra i brani di Lucio Dalla e Pino Daniele la famosissima “Fragile”, brano della superstar inglese Sting o la canzone in lingua portoghese di Patrizia Laquidara “Noite Luar”. La title track invece è un brano della stessa Zingariello, contenuto nella sua versione originale nell’album d’esordio “Frammenti simili” (2014).

 

Sei brani che anticipano dunque il nuovo album di inediti di Rita Zingariello, previsto per la primavera 2024.

 

Track by track:

1. Al di là delle stelle - È tempo di connetterci con lo spazio che non ha materia. È tempo di amare anche senza possibilità di abbracciare fisicamente. È tempo di non disperare e di continuare ad amare forte al punto che quel sentimento possa sollevarsi per arrivare a toccarsi ancora una volta.

2. Fragile - È tempo di ricordare quanto siamo fragili e di quanto la violenza non abbia mai reso forte nessuno. È tempo di pace, deve finalmente essere tempo di pace.

3. Guardastelle - È tempo di credere che si può ancora avere fiducia nell’altro. È tempo di sognare che le favole non sono sempre e solo finzione.

4. Noite Iuar - È il tempo degli amanti e degli amori dispersi che sognano di perdonarsi e ritrovarsi

5. Notte che se ne va - È tempo di sentirsi affascinati dal silenzio e dalla profondità della voce della notte. È tempo di chi riposa, di chi non trova pace e di chi vive mentre un altro dorme.

6. Stella di mare - È tempo di delicatezza e passione. È tempo di osservare chi ti dorme accanto e scoprire che è esattamente lì che sognavi di stare. Tra la terra e il cielo.

 

Registrato da Francesco Altieri in presa diretta presso il Labsonic Recording Studio di Matera con la partecipazione alla chitarra di Domenico Lopez.

 

Rita Zingariello è di origini pugliesi. Esordisce nel 2008 con “È alba”, un ep di cinque canzoni. Tra il 2012 e il 2016 ottiene molti riconoscimenti in premi a valenza nazionale: Frequenze Mediterranee, Festival della Canzone Friulana, Voci per la libertà per Amnesty International, UP, Festival dell’Alta Murgia, Red Bull Tour.

Il suo primo album è “Possibili percorsi”, prodotto dal polistrumentista trentino Phil Mer. Dopo aver aperto concerti di Gino Paoli, Paola Turci, Mario Venuti, PFM e molti altri, collabora con Mogol per uno spettacolo incentrato sulle canzoni del grande autore.

Nella primavera del 2018 pubblica “Il canto dell’ape”, secondo album che riceve una serie di riconoscimenti: riceve menzioni al Premio InediTo, al Premio Pigro per Ivan Graziani, al Premio Peppino Impastato ed è inoltre vincitrice assoluta della prima edizione del Premio Pascoli, musicando “Patria” del poeta romagnolo. Il disco viene accolto molto positivamente da pubblico e critica. Nel 2019 realizza un progetto ambizioso: un doppio album, distribuito su supporto USB, in cui raccoglie trenta cover arrangiate con gusto e interpretate con originalità, dal titolo “I giganti e la bambina – canzoni a richiesta”, un lavoro finalizzato alla raccolta fondi per il progetto “Respira bellezza” della Fondazione Francesca Divella, che offre assistenza psicologica ai pazienti oncologici.

Tra il 2019 e il 2020 è stata impegnata in un tour teatrale in tutta Italia, dedicato a questo ultimo lavoro discografico (Sanremo, Bari, Roma, Bisceglie, Reggio Calabria).

Durante la pandemia è notata dal critico musicale Michele Neri che la invita a partecipare alla trasmissione televisiva “Settenote” di Gigi Marzullo su Rai1 con la canzone “Risalire”.

Il 26 gennaio 2024 esce il singolo “Al di là delle stelle”, primo estratto dell’ep che porta lo stesso titolo in uscita il 30 gennaio.

Il nuovo album di inediti è atteso per la primavera del 2024.

 

CONTATTI / SOCIAL
https://www.instagram.com/ritazingariello/
https://www.youtube.com/c/RZingariello
https://open.spotify.com/intl-it/artist/093Q4bRqwhFg5CV0XT56vr

Mārcy feat. Fast PHS - Il singolo “Ali nel fango”

Il brano dell’artista sugli stores digitali e nelle radio

 

 

Ali nel fango” è il singolo dell’eclettica Mārcy con il featuring di Fast PHS (produzione Næmesis), sui principali stores digitali e dal 2 febbraio nelle radio in promozione nazionale. Produzione impeccabile dagli arrangiamenti attuali, di tendenza, estremamente curati e ben strutturati che evidenziano una maturità artistica di Mārcy fuori dal comune. “Ali nel fango” nasce come racconto di una società ormai sempre più messa nell‘ombra, il quale urlo di salvezza per quanto possa arrivare, non viene mai davvero ascoltato. Il singolo vuole dipingere un quadro definito, per far riflettere, su tematiche importanti di cui molto spesso non viene parlato a dovere. Vuole far aprire gli occhi su una morale sempre più comune nella società ovvero quella che la malavita e l‘essere gangster non è poi così bello come tanti promuovono.

 

“Ali nel fango è un urlo ai ragazzi, soprattutto a quelli più giovani, nell’aprire gli occhi, nel pensare con la propria testa e secondo i propri valori. Per noi cresciuti in una realtà dicile e contorta, che per la maggior parte delle volte, abbiamo visto vincere le rinunce per cause più importanti. Questo pezzo è un modo per dare luce e voce a tutti quei sognatori, che, non devono smettere di credere in un futuro migliore.” Mārcy

 

Ascolta il brano

https://open.spotify.com/intl-it/track/1fwupZGQnJYGiQxrvwYsH8?si=d6931228ebb443be

 

Storia dell’artista

Francesca Cucca, in arte Mārcy nasce in Sardegna nel 1998. All’età di 10 anni si trasferisce a Pavia e nel 2013 a Berlino. Berlino è stata la città di stacco artisticamente parlando. Il legame con la musica è nato molto tempo prima dell‘arrivo a Berlino, è nato più o meno tra la seconda e la terza media con la scrittura, posto in cui poteva sentirsi libera di esprimere, la più semplice e vera emozione senza sentirsi giudicata. Il legame con la musica è cresciuto dal 2013 fino a diventare una vera e propria ossessione e con il seguente attaccamento al mixing e dijing. Passione che ha portato Mārcy ad avere una avanzata manualità e consapevolezza del mondo dei vinili e nell‘arte del mixing. Ha sempre ricercato un suono hardcore nella musica che faceva, dal Rap alla Techno. Nel 2018 con l’incontro di Nemesis Project, si dà il via ai lavori del nostro home studio “Ciafrelle studio“e di conseguenza al progetto Mārcy. Nel 2022 esce il nostro primo Freestyle sulla strumentale di “STILL DRE” riscuotendo una discreta attenzione da parte dell’underground italiano. Il 2023 si chiude in positivo con 6 live tra Germania e Italia, tra i quali apertura al Trac di Roma a Tormento ed Esa, e data sold out in apertura ai “Colle der Fomento” per il “Solo Amore Tour”.

 

Fast PHS”, è un promettente Mc indipendente della scena romana, fondatore della PHS CREW. Il nostro rapporto nasce grazie a un’intervista online di un magazine con cui lui collabora. Dalla prima volta che abbiamo ascoltato la sua musica, abbiamo trovato una connessione comune sugli argomenti che vogliamo trattare. Con le sue barre crude e il suo flow hardcore ha dato un punto di svolta a questo singolo.

 

Link: https://linktr.ee/marcymusic

Alex-X - “Good night”

Il nuovo singolo dell’artista romano ha fatto il suo ingresso nella playlist Top 50 Italia di Spotify nel primo weekend dall’uscita

«”Good night” mi ha fatto capire che di notte possiamo brillare, come una stella, con le idee chiare che prima o poi porteranno la serenità.» Alex-X


Il nuovo brano del cantautore romano racconta in chiave autobiografica una storia d’amore che non riesce a vivere nel pieno della sua bellezza, ostacolato da una lotta interiore e dallo strascico di situazioni precedenti che minano la sua capacità di essere felice. Come sempre la musica arriva in soccorso e permette a chi la scrive di risolvere i blocchi emotivi e riscoprire la capacità di godere i momenti positivi e ritrovare la serenità.

 

Good night” è entrata direttamente al 37° posto della playlist Top 50 Italia di Spotify nel primo week end dall’uscita sui digital store.

 

Alex X è un’artista romano e ha 27 anni. Si considera un cittadino del mondo e ha come missione quella di lasciare un segno di originalità in ogni cosa che fa.

Non ha un genere predefinito per definire la propria musica, la cui caratteristica principale è quella di far emozionare le persone che l’ascoltano.

 

Etichetta: Elite Music

Radio date: 9 febbraio 2024

 

CONTATTI SOCIAL
https://links.altafonte.com/GoodNight

www.instagram.com/x-alexurg

 

 

 

View older posts »

Blog Posts

Roberto Grossi - “GAZA (canzone per i bambini nel buio)” feat. Alessandra Ravizza

Il cantautore savonese torna con un brano rock d’impegno civile
dedicato ai bambini palestinesi

«Non mi illudo certo che una banale canzone possa cambiare qualcosa, è forse più un'esigenza personale di sfogare l’angoscia e la rabbia per questa tragedia. Ma credo che comunque sia importante…

Read more

Boccuto - “Cinema a metà”

Il singolo del cantautore di Monza è una ballad introspettiva che anticipa suoni e atmosfere del nuovo disco previsto per la prossima primavera

«In questa canzone c’è l’ineluttabile operatività del mio cervello, le montagne russe umorali in cui mi ritrovo a vivere tutti i giorni passando…

Read more

Francesco Lattanzi - Vincent e le stelle

Una ballade sul delicato tema del suicidio e dell’isolamento sociale.

Un omaggio musicale alla poesia di Don Mc Lean dedicata a Van Gogh

 

 

Sentirsi rifiutati dagli altri viene vissuto come una colpa. Van Gogh può rappresentare un esempio di questo autoisolamento, la modernità c…

Read more

A.V.V.Ω.L.T.E. - Fenice

Un brano rock che parla di rinascita, primo estratto dall’ep omonimo della band torinese

 

 

“Fenice” è un brano che parla di rinascita e della capacità di risalire dal baratro in cui le difficoltà della vita ti hanno lasciato cadere. Evocando la creatura mitologica, capace di b…

Read more

Fabio De Vincente feat. ALYOSHA (Olena Topolia), la star Ucraina

“Via dall’Inferno” (“Розбити Вавилон”)

Un brano che parla di salvezza nell’estenuante lotta tra il bene e il male

Un canzone unica nel suo genere data la particolarità del duetto tra una cantautrice ucraina ed un cantautore Italiano in questo preciso momento stori…

Read more

Rita Zingariello - Al di là delle stelle l’Ep

Esce il nuovo ep della cantautrice pugliese, materana d’adozione.

Cinque cover e un brano originale che anticipano il nuovo album di inediti previsto per la primavera

«Questo EP è per me come la notte che porta consiglio, è come cercare stelle e desideri sognati in un cielo annebbiato. È…

Read more

AVVOLTE - Ecco “Fenice”

L’EP che segna la rinascita della band torinese
 

Un EP, che proprio come la fenice, segna la rinascita della storica band torinese, che dopo qualche anno di silenzio ritorna sulle scene, più viva che mai.

Fenice” è composto da 5 brani molto diversi fra loro e che scorrono veloceme…

Read more

Rita Zingariello - Al di là delle stelle l’Ep

Esce il nuovo ep della cantautrice pugliese, materana d’adozione.

Cinque cover e un brano originale che anticipano il nuovo album di inediti previsto per la primavera

«Questo EP è per me come la notte che porta consiglio, è come cercare stelle e desideri sognati in un cielo annebbiato. È…

Read more

Mārcy feat. Fast PHS - Il singolo “Ali nel fango”

Il brano dell’artista sugli stores digitali e nelle radio

 

 

Ali nel fango” è il singolo dell’eclettica Mārcy con il featuring di Fast PHS (produzione Næmesis), sui principali stores digitali e dal 2 febbraio nelle radio in promozione nazionale. Produzione impeccabile dag…

Read more

Alex-X - “Good night”

Il nuovo singolo dell’artista romano ha fatto il suo ingresso nella playlist Top 50 Italia di Spotify nel primo weekend dall’uscita

«”Good night” mi ha fatto capire che di notte possiamo brillare, come una stella, con le idee chiare che prima o poi porteranno la serenità.» Alex-X

Read more

View older posts »

Blog Posts

Roberto Grossi - “GAZA (canzone per i bambini nel buio)” feat. Alessandra Ravizza

Il cantautore savonese torna con un brano rock d’impegno civile
dedicato ai bambini palestinesi

«Non mi illudo certo che una banale canzone possa cambiare qualcosa, è forse più un'esigenza personale di sfogare l’angoscia e la rabbia per questa tragedia. Ma credo che comunque sia importante…

Read more

Boccuto - “Cinema a metà”

Il singolo del cantautore di Monza è una ballad introspettiva che anticipa suoni e atmosfere del nuovo disco previsto per la prossima primavera

«In questa canzone c’è l’ineluttabile operatività del mio cervello, le montagne russe umorali in cui mi ritrovo a vivere tutti i giorni passando…

Read more

Francesco Lattanzi - Vincent e le stelle

Una ballade sul delicato tema del suicidio e dell’isolamento sociale.

Un omaggio musicale alla poesia di Don Mc Lean dedicata a Van Gogh

 

 

Sentirsi rifiutati dagli altri viene vissuto come una colpa. Van Gogh può rappresentare un esempio di questo autoisolamento, la modernità c…

Read more

A.V.V.Ω.L.T.E. - Fenice

Un brano rock che parla di rinascita, primo estratto dall’ep omonimo della band torinese

 

 

“Fenice” è un brano che parla di rinascita e della capacità di risalire dal baratro in cui le difficoltà della vita ti hanno lasciato cadere. Evocando la creatura mitologica, capace di b…

Read more

Fabio De Vincente feat. ALYOSHA (Olena Topolia), la star Ucraina

“Via dall’Inferno” (“Розбити Вавилон”)

Un brano che parla di salvezza nell’estenuante lotta tra il bene e il male

Un canzone unica nel suo genere data la particolarità del duetto tra una cantautrice ucraina ed un cantautore Italiano in questo preciso momento stori…

Read more

Rita Zingariello - Al di là delle stelle l’Ep

Esce il nuovo ep della cantautrice pugliese, materana d’adozione.

Cinque cover e un brano originale che anticipano il nuovo album di inediti previsto per la primavera

«Questo EP è per me come la notte che porta consiglio, è come cercare stelle e desideri sognati in un cielo annebbiato. È…

Read more

AVVOLTE - Ecco “Fenice”

L’EP che segna la rinascita della band torinese
 

Un EP, che proprio come la fenice, segna la rinascita della storica band torinese, che dopo qualche anno di silenzio ritorna sulle scene, più viva che mai.

Fenice” è composto da 5 brani molto diversi fra loro e che scorrono veloceme…

Read more

Rita Zingariello - Al di là delle stelle l’Ep

Esce il nuovo ep della cantautrice pugliese, materana d’adozione.

Cinque cover e un brano originale che anticipano il nuovo album di inediti previsto per la primavera

«Questo EP è per me come la notte che porta consiglio, è come cercare stelle e desideri sognati in un cielo annebbiato. È…

Read more

Mārcy feat. Fast PHS - Il singolo “Ali nel fango”

Il brano dell’artista sugli stores digitali e nelle radio

 

 

Ali nel fango” è il singolo dell’eclettica Mārcy con il featuring di Fast PHS (produzione Næmesis), sui principali stores digitali e dal 2 febbraio nelle radio in promozione nazionale. Produzione impeccabile dag…

Read more

Alex-X - “Good night”

Il nuovo singolo dell’artista romano ha fatto il suo ingresso nella playlist Top 50 Italia di Spotify nel primo weekend dall’uscita

«”Good night” mi ha fatto capire che di notte possiamo brillare, come una stella, con le idee chiare che prima o poi porteranno la serenità.» Alex-X

Read more

View older posts »

Search

Comments

There are currently no blog comments.