Menu

La Noteria del Corso

Notizie sugli scaffali 

header photo

Componente del blog

MadMars e Paco6x - Sparami

Il nuovo singolo dell artista veneziano
Un brano dalle sonorità Sad e Strong

In “Sparami” si miscelano vari generi diversi tra l’oro come l’Indie e il Pop Rock, fondendosi con un’anima R&B dalle sonorità sia Sad che Strong.
“Sparami” decanta la voglia di rivalsa del suo autore, con la consapevolezza e la fierezza di chi è riuscito ad uscire più forte di prima da una storia d’amore complicata. Il tutto è raccontato con energia e grinta, quasi con rabbia, proprio a dimostrare la sicurezza delle proprie scelte di cui si ha, finalmente, il controllo.

Verso la conclusione del brano il sound si ammorbidisce, come per dare il giusto lieto fine alla storia, e la rabbia si trasforma in un dolce canto che sa tanto di inno alla vita.

Etichetta: Orangle Srl - https://www.oranglerecords.com/

Martina Caiazzo in arte MadMars nasce a Torre Annunziata nel 1993. Sin da piccola ha manifestato la sua grande passione per la musica ma soprattutto per il canto condividendo questa passione con il padre. Da qualche anno frequenta l'It's Classic Studio ed è proprio lì che ha iniziato ad apprezzare l'hip hop, il rap e la musica black. Grazie a Paco6x riesce a muovere i primi passi del suo percorso musicale pubblicando nel 2021 il primo singolo.
«La musica per me è il mezzo per abbattere le barriere di discriminazione, la musica è il più bel modo di comunicare, puoi fare una rivoluzione con un giro di accordi» MadMars

Paco6x, all’anagrafe Pasquale Cirillo, classe 1986, è un produttore musicale di Torre Annunziata, in provincia di Napoli. Si avvicina all’hip hop e al mondo del beatmaking grazie all’influenza del fratello Nunzio, in arte Zagor M, writer molto conosciuto in zona e membro del gruppo DalBasso, gruppo storico di Torre Annunziata. In seguito, insieme a Valerio Nazo, fonda l’It’s Classic Studio, il quale, anche grazie a “It’s Classic Mixtape” vol. 1 e vol. 2, continua ad essere uno dei pezzi di storia dell’hip hop campano ancora attivi. Da qui in avanti sono tantissimi i prodotti rilasciati, e non mancano riconoscimenti e certificazioni come il disco di platino per aver prodotto “A’ Verità”, brano di Rocco Hunt con Enzo Avitabile, title track del secondo album dell’artista salernitano.

Spotify
https://open.spotify.com/artist/3WebJTnEORkGXG3eggdd3U
Instagram
https://www.instagram.com/madmars_music/
Tik Tok
https://www.tiktok.com/@madmars_music

 

Alikè - “Free Therapy”

L’esordio discografico della performer svizzera

Quattro tracce tra inglese e italiano che, come una terapia, affrontano incubi e disagi per tornare a ballare leggeri. Un progetto fortemente pop che affronta temi molto personali in una sorta di seduta psicologica di fronte a sé stessi. Nei brani che compongono l’Ep Alikè affronta con coraggio temi come la separazione da chi amiamo, le incertezze del futuro, la solitudine e tutte le nostre debolezze con l’obiettivo di trasformarle in punti di forza della vita. I brani si alternano fra italiano e inglese, il linguaggio dei testi è stato semplificato per lasciare spazio alla percezione emotiva della musica e degli ambienti sonori, fondendo a volte melodia e testo in un tutt’uno.

Le storie di Alikè arrivano direttamente dal suo bagaglio di esperienze personale, ma la particolarità del suo lavoro è nel trasformare quei sentimenti crudi in qualcosa di sognante, catchy e fruibile agli altri. La produzione artistica e discografica mira ad un pubblico internazionale e la lavorazione del sound ha richiesto una ricerca sonora accurata con una dimensione fortemente live incentrata sulle doti performative della stessa artista.

 

Track by track

https://direzione816.wixsite.com/biografiedcod/alik%C3%A8

 

Alikè nasce in un piccolo paesino del Canton Ticino, Svizzera. Dopo aver seguito corsi di danza, teatro e canto, decide all’età di nove anni di dedicare la sua vita all’arte, scegliendo la disciplina del musical theatre. A 16 anni comincia così la Scuola per Sportivi d’Élite di Tenero combinando scuola e lezioni di tutte e tre le discipline. A 20, viene ammessa in un’accademia di musical a Londra, la sua città del cuore. Allo stesso tempo, sente il bisogno di esplorare la sua voce anche come cantante pop e così si costruisce un repertorio basato principalmente sulla musica R’N’B, soul e pop americano.

Per lei la musica è lo strumento con cui dare vita alle proprie emozioni, permettendole di gestirle meglio anche nella quotidianità. Lo fa raccontandole in modo crudo, senza censure, ma cercando di renderle al tempo stesso sognanti. La collaborazione con Koolbeat comincia nell’estate del 2021. Fin da subito il team ha deciso di dare vita alle emozioni di Alikè trascrivendo in musica le parole da lei pronunciate.

 

Etichetta: Koolbeat

 

INSTAGRAM

https://www.instagram.com/alike_bellanca/

 

l’altoparlante – comunicazione musicale

www.laltoparlante.it

info@laltoparlante.it

Francesco Scocchera - "Resta sempre te"

Dal 3 dicembre è in radio il nuovo inedito dell’artista

Trovare un “Medico Artista” è veramente un caso raro. È la storia di Francesco Scocchera, classe 1964, che nella vita reale svolge la professione di Medico Chirurgo presso una nota azienda ospedaliera di Roma, la cui passione e talento nella scrittura ed arrangiamenti di musica e brani lo porta ad avere una doppia vita anche come artista ed autore: da un lato una professione di grande responsabilità, dall’altra una parte creativa che da sempre lo accompagna e lo stimola.

In questa occasione presenta il brano “Resta sempre te”, dal 3 dicembre in radio, con musica e testo scritti di getto in mezz’ora in una notte d’autunno e dedicati al figlio Davide che, in quel periodo, aveva 8 anni. La canzone è rimasta conservata per lungo tempo e adesso pubblicata in occasione del diciottesimo compleanno del suo ragazzo, come prezioso regalo dedicato a questo giorno così importante. Nel testo l’artista ripercorre in breve i momenti più belli di crescita vissuti insieme al figlio: i pianti, i giochi, le ninne nanne, i piattini di pappa con i sorrisi che lo hanno fatto crescere per diventare il giovane uomo di oggi. Al contempo però con la crescita si concretizza l’allontanamento dai genitori e da quel mondo fantastico vissuto per anni a stretto contatto. “Resta sempre te” è dunque una canzone d’amore il cui messaggio è l’augurio di non separarsi mai del tutto dal genitore, anche se le strade della vita porteranno ad allontanarsi, insieme alla speranza di restare un po’ “bambini” dentro, e custodire nell’animo quei ricordi d’infanzia che ci hanno permesso di diventare le persone che siamo oggi.

L’artista ha dunque toccato le corde giuste con una storia intima, nella quale tutti noi possiamo identificarci. Il suo sfondo artistico si è sviluppato con la grande musica dei mitici anni ‘70 ed ’80 ascoltando gruppi storici come Toto, Earth Wind & Fire, Genesis, Level 42 e con i grandi autori italiani che in parte si ritrovano poi nelle sue canzoni, come la PFM.

Ha studiato pianoforte classico proseguendo poi a scrivere e arrangiare canzoni, dopo una lunga gavetta come tastierista in vari gruppi e come pianista solista in locali di pianobar. Alcuni anni fa, ha rincontrato il grande maestro e amico Mario Zannini Quirini, ritrovato dopo un lungo periodo condiviso suonando insieme. Grazie al suo supporto in qualità di editore e produttore, è rinata una collaborazione artistica e Francesco ha potuto concretizzare finalmente alcuni dei numerosi brani scritti da tempo ma rimasti chiusi in un cassetto; nel 2021 pubblica “E senza dire una parola” cantato in prima persona, ed altri due brani, “Turn you on” di Mia Elison remixato anche in una versione club da Luca Tornesi e “Luna” brano reggaeton dal sapore estivo cantata dal duo Boris y Maela tormentone estivo nei locali cubani in tutta Italia. La sua creatività non si è mai fermata e dal suo magico cassetto siamo sicuri che verranno presto alla luce altri inediti, dove poter assaporare altre belle ed intense storie in musica.

 

Isabel Zolli Promotion Agency

Sede Operativa: via Simone De Saint Bon 47 – Roma

 

Alchimista - Saudade, il nuovo singolo dell'artista milanese

 Il confine fra separazione e unione si dissolve e ciò che resta è saudade.

“Saudade” è una canzone autobiografica che racchiude al suo interno quel sentimento che si respira in un’isola in mezzo all’oceano, al crepuscolo, la sera prima di una partenza. Negli occhi, sotto un cielo a macchie agrodolci, i dettagli indelebili delle ore che precedono la partenza e la separazione.
Nelle immagini esotiche e nella nostalgia del futuro, il confine fra separazione e unione si dissolve.

Etichetta: Orangle Srl -https://www.oranglerecords.com/

Davide Lusardi, in arte Alchimista, è nato nel 1993 a Genova.
Fin da bambino si avvicina al mondo della musica suonando il pianoforte e la chitarra. Durante l’adolescenza con la sua band si esibisce nei locali del genovese e si aggiudica alcuni contest nazionali. Nel dicembre 2019 inizia il suo percorso da solista con il singolo d’esordio “Matto”. Durante il periodo del lockdown nazionale collabora con Roccia, rapper del bergamasco, e nell’estate 2020 pubblica l’ep Canzoni dal Divano.
Nel 2021 partecipa a Casa Sanremo presentando in anteprima il singolo “Come in un sogno”, brano che ha raggiunto i 100K play su Spotify. Nel 2022 pubblica “Vertigine” e poi “Saudade“, primo singolo del nuovo Ep in uscita il prossimo autunno.

CONTATTI SOCIAL
 
SPOTIFY
https://open.spotify.com/artist/39Y4OawKx3mNqYMiR0mOUK?si=XtmSeTzoSrCvtZKAcflQ3g
INSTAGRAM
https://www.instagram.com/alchimista_music/

l’altoparlante – comunicazione musicale - https://www.laltoparlante.it/
info@laltoparlante.it - 348 3650978

Claudio Mariano - Il libro “Il bello di cadere”

Lo scrittore presenta il libro autobiografico che tratta il tema delicato riguardante stress, ansia e attacchi di panico.

Parte dall’esperienza personale, vissuta e superata dall’autore stesso, il libro “Il bello di cadere” di Claudio Mariano, scrittore originario di Luino, paese in provincia di Varese, situato sulle sponde del lago Maggiore. La storia narrata nel volume tratta un tema delicato, che riguarda disturbi seri e complessi come lo stress, l’ansia e soprattutto gli attacchi di panico, derivati spesso da forti situazioni di shock. Questi disturbi sono molto più diffusi di quanto si creda, e con la recente pandemia, si sono acutizzati e sono diventati maggiormente visibili, anche tra i giovani. L’isolamento, la paura, le continue incertezze sul futuro unite all’incapacità di affrontare situazioni che ci sembrano insormontabili, possono portare ad estremizzare questi disagi.

Certamente esistono terapie e supporti specializzati, ma un primo aiuto/riflessione può arrivare leggendo questo libro, dove l’autore svela questa sua parte di vita così intima. Oltre a queste patologie descrive l’importanza che gli stessi disturbi hanno avuto nella lotta per raggiungere una nuova fase di percorso rinascimentale, la cui vittoria ha dato il via alla parte più vera di lui, sbloccandolo da questa prigione. All’interno della narrativa trovano spazio non solo i cenni autobiografici, ma anche consigli pratici e curiosità specifiche, per dare un supporto efficace a quanti si riconoscono in questa tematica. L’intento è divulgare la sua esperienza affinché diventi speranza per chiunque viva queste situazioni, lasciando spazio alla parola “bello”: infatti già dal titolo Mariano evidenzia l’aspetto positivo che lui è riuscito a trovare lungo il percorso di guarigione, trasmettendo dunque fiducia ai lettori nella ricerca di una soluzione, di una via d’uscita. Senza panico, la soluzione si può trovare, il lato positivo è comunque nascosto nell’angolo dell’aspetto negativo, che una volta svelato, sgretola e ridimensiona il tutto, attraverso una nuova visione delle cose. Ed egli stesso cita questo calzante esempio: “Come l’astronomia insegna, la maestosità di una volta celeste sarà più visibile sotto il più buio dei cieli”.

L’autore attualmente sta completando gli studi in psicologia delle risorse umane, delle organizzazioni e del lavoro e sta affinando le sue competenze come formatore anche nel campo del “life coaching”, così da poter dare ai suoi clienti/alunni gli strumenti giusti per il raggiungimento dei propri obiettivi di vita.

 

Isabel Zolli Promotion Agency

Sede Operativa: via Simone De Saint Bon 47 – Roma

High For Free - Il nuovo singolo di Be Klaire

Il giovane artista continua a produrre singoli dal forte impatto emotivo

High For Free” è nato da un riff sul pianoforte che l’artista aveva in mente da tempo. È stato completato quando “Train of Silence” fu registrata. Il brano ha un senso molto metaforico e con un suono diverso dagli altri brani, sottolineandone l’importanza. L’espressiva voce di Be Klaire dona a questa intensa ed intima ballad una verve d’altri tempi mantenendo originalità e profonda passione. Una canzone dal forte impatto emotivo che conferma una maturità compositiva ed espressiva già ampiamente notata dall’ascolto dei singoli precedenti del giovane artista.

Be Klaire” ha 16 anni e si diverte raccontando le sue “avventure” attraverso le canzoni. Il primo capitolo del suo percorso artistico è “People’s Eyes”, pubblicato nel dicembre 2020, continuando con “Free Me Now” nel luglio 2021 e “Train of Silence” nell’agosto 2022 e attualmente in promozione nazionale con il nuovo singolo “High For Free” distribuito sui principali Digital Store e nelle radio italiane. I suoi gusti musicali spaziano da Lady Gaga, passando per Lana Del Rey fino ad arrivare a Marilyn Manson, portandolo così a sperimentare più suoni possibili. Be Klaire ha molti progetti futuri e vi invita a seguirlo sui suoi canali social e nelle sue performance live per scoprirli.

 

FACEBOOK

https://www.facebook.com/Be-Klaire-106280394155607

https://www.facebook.com/be.klaire

INSTAGRAM

https://www.instagram.com/beklaire_/

SPOTIFY

https://open.spotify.com/artist/1oJ0XJYdHW06sYFPW66ehd?si=z8LtYfP2T8KqqnYjuI0e5A

Giovanni Sarpietro - “Se qualcuno ci sente poi”

Il nuovo progetto del cantautore umbro-siculo

Un brano in cui coesistono passato e presente, sonorità acustiche e digitali e la dolce malinconia dell’autunno. Una canzone nata l’autunno di circa un anno fa che racconta proprio di un autunno. Settimane fredde, fatte di viaggi a Londra, di foto con gli occhi chiusi, di sbronze, di cancelli scavalcati e di lontananza, orgoglio e incomprensioni. Un rapporto irrequieto che lascia progressivamente posto ad una complicità autentica e a quella intimità che solo una coppia può vivere. «E se qualcuno ci sente poi?»

Gli archi scaldano le atmosfere autunnali, cercando di conciliare le diverse anime sonore del cantautorato italiano.

«SE QUALCUNO CI SENTE POI è il primo singolo di un progetto più ampio che culminerà con l’uscita di un disco "troppo" romantico. Le sonorità del progetto sono il frutto di un matrimonio, a volte turbolento, tra suoni acustici e digitali, tra legno e plastica, tra modernità e tradizione, cercando un equilibrio che ha accompagnato la stesura di questo album e la mia stessa formazione musicale dal conservatorio ai club, dai violini alla stratocaster.» Giovanni Sarpietro

Giovanni Sarpietro vive a Perugia ed ha origini umbro-sicule. Classe 1990, viene da una formazione classica, frequenta in giovane età il Conservatorio Morlacchi di Perugia, per poi dedicarsi agli ambiti musicali più disparati. Collabora con la compagnia “Arebur” di Liv Ferracchiati per la composizione e arrangiamento di musiche per il teatro e partecipa alla realizzazione di opere musicali appartenenti a diversi generi (Rock Brigade, Decostruttori Postmodernisti). Nel 2018, dopo aver vissuto in Inghilterra, vive una fase di forte esterofilia e inaugura il progetto elettro-pop “In Wave”, con il quale ha all’attivo un omonimo LP (In Wave, 2022), registrato a Torino presso il Punto V di Luca Vicini. Nel 2020, durante il periodo di lockdown, inizia a collezionare i testi e i brani che formeranno poi il cuore della sua produzione cantautoriale. Cominciano quindi a delinearsi i margini di un prodotto artistico di cui fa parte “SE QUALCUNO CI SENTE POI”, primo singolo del nuovo album.

La produzione del brano e del disco è stata seguita da Salvatore Addeo presso gli Aemme Recording Studios.

 

Contatti e social:

https://linktr.ee/giovannisarpietro

 

l’altoparlante – comunicazione musicale

www.laltoparlante.it

info@laltoparlante.it

Eusebio Martinelli Gipsy Orkestar feat. Cisco e Tonino Carotone - “Tratto leggero”

Il nuovo singolo con la partecipazione dei due grandi cantautori

Un brano dedicato a chi attraversa la storia in maniera tangente, senza esserne protagonista, tra sonorità gipsy e un’intelligente ironia. “Tratto leggero” (feat. Cisco e Tonino Carotone) è il brano di chi passa attraverso la storia senza lasciare traccia, di chi resta invisibile pur essendo concreto e pur vivendo grandi tragedie o avventure, che è un po’ la storia di tutti noi, che per quanto possiamo sentirci importanti alla fine non lasceremo alcuna traccia con le nostre impronte. Due grandi artisti sono ospiti in questo brano: Stefano Cisco Bellotti che con il suo enorme carisma e la sua musica ha passato la vita a dare voce agli invisibili con canzoni che hanno fatto la storia e Tonino Carotone che in questo brano apporta il suo contenuto filosofico e ci spiega che la vita sarà anche una scatola vuota o senza forma, ma una cosa è sicura: “La vida es una consecuencia del amor”. Il singolo è parte di “SBAM!” l’album che segna una svolta nel sound e nel mindset della band.

Dicono di “SBAM!”

«“Sbam!” è un disco che in piedi ci cade e ci cade anche bene, soprattutto quando mostra un coraggio raramente toccato da altri nel cercare mille strade diverse da suonare con lo stesso strumento. E la sua Gipsy Orkestar sa come svolgere a pieno questo mestiere. Che bel sentire di mondo e di tempo questo “Sbam!”» Indie Roccia

«Decisamente un disco libero. Ecco una parola che entra prepotente dopo l’ascolto. Libero significa anche rispetto delle forme, padronanza dei mezzi e contaminazione capace di mescolare con coerenza ingredienti quotidiani» Exitwell

«E in questo disco siate pronti per la contaminazione e il surrealismo che arriva dentro allegorie non solo liriche ma anche e soprattutto sonore.» 100 decibel

«"SBAM!" è un caleidoscopio di emozioni: dalla volontà di libertà espressa in CALMA APPARENTE dove si parla della famosa quiete prima della tempesta; TRATTO LEGGERO è uno di quei brani che lasciano un solco profondo: Cisco e Tonino Carotone sono i due artisti scelti per arricchire il brano che parla degli invisibili ovvero di coloro che non lasciano traccia.» Low Music

EMGO nasce dalla mente di Eusebio Martinelli, che dopo una lunga carriera in collaborazione con grandi artisti (Capossela, Bregovich, Negramaro, Sud Sound System, Biagio Antonacci, Modena City Ramblers, Calexico, Demo Morselli, Mark Ribot, Kocani Orkestar e tanti altri) decide di concentrare la sua solida esperienza nel progetto che da ormai 10 anni infiamma le piazze e i festival di tutta Italia ed Europa. Con i primi tre album, la band dà vita a importanti collaborazioni e tour, arrivando ad attraversare tutti i Paesi europei, da Marsiglia a San Pietroburgo. Durante la pandemia nascono ben due album, di cui il primo, “Trumpet Explosion”, apre gli orizzonti della band anche verso la musica colta e il mondo dei teatri, in cui Eusebio esprime il proprio virtuosismo e l’amore per la musica di autori come Chopin, Brahams e Paganini, avendo ulteriormente migliorato la propria tecnica studiando intensamente in lockdown. “SBAM!”, uscito nel 2022, segna una svolta nel sound e nel mindset della band.

 

Etichetta: Maninalto!

 

YouTube

https://www.youtube.com/c/EusebioMartinelliTrumpet

Instagram

https://www.instagram.com/eusebio_martinelli/

Facebook

https://www.facebook.com/eusebio.martinelli.gipsy.orkestar

Spotify

https://open.spotify.com/artist/58YykjuRTVIZmSvX1Gw53e

Website

https://www.eusebiomartinelli.com

 

l’altoparlante – comunicazione musicale

www.laltoparlante.it

info@laltoparlante.it

Aria - “A Christmas Letter”

Il nuovo progetto del producer e compositore Mariano Schiavolini

Un brano corale, dedicato al Natale, alla pace e alle donne, ispirato alle sonorità della Motown. “Christmas letter” è una canzone di Natale, un’invocazione alla pace, all’armonia e allo stare insieme, ma è anche soprattutto un brano dedicato alle donne e ai loro figli.

«Sono moltissime le donne che per motivi differenti si trovano lontane da casa e sono obbligate a rinunciare alla famiglia in un giorno così importante. Penso in particolare a tutte le donne che vivono condizioni di difficoltà, immerse nei conflitti e nel dolore che generano. Questa canzone è dedicata a loro.» Aria

Il testo, nato dalla penna dall’autrice e scrittrice di Cambridge Nicolette Turner, racconta di una mamma militare che è stata inviata in estremo oriente, presso un territorio di guerra, e scrive al proprio figlio promettendogli che farà tutto il possibile per essere presente a Natale e festeggiare insieme. A Christmas Letter, è una fusione tra musica soul e musica classica, con sonorità e arrangiamenti di ARIA che richiamano lo stile di George Gershwin. Lo sottolineano l’uso del clarinetto solista che accompagna la voce della cantante e gli archi armoniosamente dissonanti, tipici della musica atonale e nella musica sperimentale nei primi del 900.  

Il nuovo brano realizzato dal produttore e compositore polistrumentista è stato registrato in South Africa, nel famoso studio di registrazione Downtonw recording studios di Johannesburg, dove è stato girato anche il video. Una seconda parte della produzione è stata invece svolta al recording studios di Los Angeles da Jack Rouben, produttore di Gloria Gaynor, Aretha Franklin, Céline Dion, Earth, Wind & Fire. Alla registrazione del disco hanno preso parte la cantante afroamericana Sherita-o, The City of Prague Philharmonic con il violino solista della violinista Lucie Svehlova, oltre al coro macedone di voci bianche “Heruvimi” e un coro in lingua Zulù. Gli arrangiamenti orchestrali e l’orchestrazione sono stati realizzati da Aria.

Aria è ambientalista e animalista, attivo sostenitore di diverse associazioni, tra le quali Animals Asia Foundation impegnata a porre fine all'allevamento di orsi nelle “fattorie della bile” allevamenti intensivi di orsi tibetani, detti anche orsi della luna, dove tali animali vengono rinchiusi in gabbie strettissime per estrarne la bile, ingrediente utilizzato nella medicina tradizionale cinese. Nel 2013 Aria ha realizzato il sito www.ilvolodellaquila.it, un progetto multimediale che unisce musica e protezione dell'ambiente, in cui propone spezzoni di video sul regno animale accompagnati dalle sue musiche. Usandola come punto di partenza, Aria ha creato una prospettiva toccante e a volte stimolante sugli animali, e il pubblico assiste ai momenti più belli della natura e ai pericoli creati dall'uomo che la minacciano. Con oltre 1,5 milioni di visualizzazioni, il progetto ha riscosso un enorme successo nell'educare sulle questioni ambientali con il potere della musica. Aria è forse meglio conosciuto come membro fondatore della band prog-rock italiana originale Celeste (soprannominata "i King Crimson italiani") ed ha una lunga e ricca storia in varie culture musicali. È un punto fermo del festival musicale di Sanremo, dove vive, ponendosi quale ponte tra il mondo della musica italiana e quella britannica. Il suo personale percorso musicale abbraccia la creazione della principale etichetta discografica rock italiana Dischi Noi (RCA Distribution), arrivando a collaborare con artisti del calibro di Kit Woolven (David Bowie, Thin Lizzy) e Nick Griffits (Pink Floyd, Roger Waters) e Daniel Boone (The Who, Kraftwerk), fino alla produzione di concerti su Rock at Midnight per Italia1 Tv.

Aria è il nome d'arte di Mariano Schiavolini. Il concept e lo pseudonimo del nome sono nati come omaggio agli elementi della natura che ci ispirano a vivere e creare in armonia con ciò che ci circonda. Una volta che si perde il contatto con la natura non si è più sé stessi. Questa connessione, questo legame, è ciò che spinge Aria a dare vita a produzioni che spesso traggono una profonda ispirazione dal mondo naturale. Gli inizi di Aria sono stati molto più con i piedi per terra. Figura chiave della scena rock progressiva italiana e membro fondatore dei celebri Celeste (alias The King Crimson of Italy), Aria ha affinato la sua arte nei generi più sperimentali, collaborando anche con innumerevoli artisti e produttori del suo tempo: Kit Woolven, Nick Griffiths, Pete Hinton, Guy Bidmead, Daniel Boone, Simon Fraser, Dennis Herman e Will Reid Dick, per citarne alcuni. Negli ultimi anni Aria è tornato all'ovile, inserendosi nell'industria musicale con la musica “contaminata”. Con profondi temi lirici come la difficile situazione dei rifugiati in tempo di guerra, la devastazione dell'ambiente e la tragica scomparsa della fauna selvatica del nostro pianeta, fonde argomenti importanti con un melange di elementi musicali, come il rock progressivo, il soul e orchestre dal vivo. Collaborazioni più recenti sono il risultato di un recente viaggio in Sud Africa, dove Aria ha avuto il piacere di registrare con i membri della band della compianta Miriam Makeba, con Thuthukani Cele (di Lucky Dube fama) e il famoso Soweto Gospel Choir.

Lo scorso 22 aprile è uscito sul mercato internazionale, a supporto dell’evento della Giornata della Terra, il brano The next life, facente parte del doppio singolo contenente Lady in white. The next life è una canzone dedicata all’ambiente e agli animali in estinzione, il cui testo è stato scritto dall’autrice e cantautrice di Los Angeles Britt Warner ed ospita l’interpretazione del giovane rapper e ambientalista americano Ray Reed, di Huston.

 

Etichetta: Assieme

 

Instagram

www.instagram.com/ariathecomposer/

Sito web

www.ariamusicworld.com

 

l’altoparlante – comunicazione musicale

www.laltoparlante.it

info@laltoparlante.it

Five Hundred - “Noi due e basta”

Il nuovo singolo della band torinese

Richiami anni ‘80 per un’atmosfera da inizio serata, al contempo eccitante e nostalgica. “Noi due e basta” è un brano che narra di un amore impossibile, costretto a non andare avanti a causa dell’orgoglio dei due protagonisti. L’atmosfera di un inizio serata, con quel misto di carica e nostalgia che la caratterizza, crea l’ambiente in cui parlare di un’esperienza sentimentale che non è di nessuno, ma appartiene a tutti.

«Questo brano nasce lo scorso giugno, periodo in cui abbiamo ricercato e studiato un nostro possibile stile musicale che ci rappresentasse davvero e soprattutto ci piacesse. Le nostre ispirazioni, infatti, sono davvero diverse e spaziano molto tra l’indie pop italiano e l’R&B». Five Hundred

Five Hundred è una band pop di Torino attiva dal 2015. Nel maggio 2018 esce il loro primo EP "Dolci Ispirazioni" con i primi cinque inediti che descrivono le influenze musicali dei componenti. Dopo un anno di ricerca di una propria identità artistica, esce il singolo "Oggi ho scelto" caratterizzato da uno stile Indie Pop. Il 2020 è un anno chiave, determinato dall'uscita di due singoli come "Fuori Tempo" e "Non so il perché", con cui la band raggiunge la propria maturità artistica. Dopo un anno di inattività concertistica, il 16 aprile 2021 esce il loro nuovo singolo "Adrenalina", canzone che simboleggia una risposta positiva in contrapposizione al periodo storico. Grazie a questo singolo finiscono in varie playlist di Spotify e Apple Music e, inoltre, il 26 giugno 2021 partecipano al "Fatti Sentire Festival" trasmesso il 12 agosto dello stesso anno su Rai 2. Hanno all’attivo anni di concerti su diversi palchi come Hiroshima Mon Amour, Gru Village Festival e Ariston di Sanremo, con la partecipazione a Casa Sanremo e Sanremo Rock, la band decide di rendere pubblici i propri lavori in studio.

 

I Five Hundred sono:

Riccardo Ceccarelli - voce e chitarra

Federico Currà - basso

Erik Brienza - batteria

 

INSTAGRAM

https://www.instagram.com/fivehundredband/

FACEBOOK

https://www.facebook.com/fivehundredband

SITO WEB

https://fivehundredband.com/

 

l’altoparlante – comunicazione musicale

www.laltoparlante.it

info@laltoparlante.it

 

View older posts »

Componente del blog

MadMars e Paco6x - Sparami

Il nuovo singolo dell artista veneziano
Un brano dalle sonorità Sad e Strong

In “Sparami” si miscelano vari generi diversi tra l’oro come l’Indie e il Pop Rock, fondendosi con un’anima R&B dalle sonorità sia Sad che Strong.
“Sparami” decanta la voglia di rivalsa del suo autore, con la consapevolezza e la fierezza di chi è riuscito ad uscire più forte di prima da una storia d’amore complicata. Il tutto è raccontato con energia e grinta, quasi con rabbia, proprio a dimostrare la sicurezza delle proprie scelte di cui si ha, finalmente, il controllo.

Verso la conclusione del brano il sound si ammorbidisce, come per dare il giusto lieto fine alla storia, e la rabbia si trasforma in un dolce canto che sa tanto di inno alla vita.

Etichetta: Orangle Srl - https://www.oranglerecords.com/

Martina Caiazzo in arte MadMars nasce a Torre Annunziata nel 1993. Sin da piccola ha manifestato la sua grande passione per la musica ma soprattutto per il canto condividendo questa passione con il padre. Da qualche anno frequenta l'It's Classic Studio ed è proprio lì che ha iniziato ad apprezzare l'hip hop, il rap e la musica black. Grazie a Paco6x riesce a muovere i primi passi del suo percorso musicale pubblicando nel 2021 il primo singolo.
«La musica per me è il mezzo per abbattere le barriere di discriminazione, la musica è il più bel modo di comunicare, puoi fare una rivoluzione con un giro di accordi» MadMars

Paco6x, all’anagrafe Pasquale Cirillo, classe 1986, è un produttore musicale di Torre Annunziata, in provincia di Napoli. Si avvicina all’hip hop e al mondo del beatmaking grazie all’influenza del fratello Nunzio, in arte Zagor M, writer molto conosciuto in zona e membro del gruppo DalBasso, gruppo storico di Torre Annunziata. In seguito, insieme a Valerio Nazo, fonda l’It’s Classic Studio, il quale, anche grazie a “It’s Classic Mixtape” vol. 1 e vol. 2, continua ad essere uno dei pezzi di storia dell’hip hop campano ancora attivi. Da qui in avanti sono tantissimi i prodotti rilasciati, e non mancano riconoscimenti e certificazioni come il disco di platino per aver prodotto “A’ Verità”, brano di Rocco Hunt con Enzo Avitabile, title track del secondo album dell’artista salernitano.

Spotify
https://open.spotify.com/artist/3WebJTnEORkGXG3eggdd3U
Instagram
https://www.instagram.com/madmars_music/
Tik Tok
https://www.tiktok.com/@madmars_music

 

Alikè - “Free Therapy”

L’esordio discografico della performer svizzera

Quattro tracce tra inglese e italiano che, come una terapia, affrontano incubi e disagi per tornare a ballare leggeri. Un progetto fortemente pop che affronta temi molto personali in una sorta di seduta psicologica di fronte a sé stessi. Nei brani che compongono l’Ep Alikè affronta con coraggio temi come la separazione da chi amiamo, le incertezze del futuro, la solitudine e tutte le nostre debolezze con l’obiettivo di trasformarle in punti di forza della vita. I brani si alternano fra italiano e inglese, il linguaggio dei testi è stato semplificato per lasciare spazio alla percezione emotiva della musica e degli ambienti sonori, fondendo a volte melodia e testo in un tutt’uno.

Le storie di Alikè arrivano direttamente dal suo bagaglio di esperienze personale, ma la particolarità del suo lavoro è nel trasformare quei sentimenti crudi in qualcosa di sognante, catchy e fruibile agli altri. La produzione artistica e discografica mira ad un pubblico internazionale e la lavorazione del sound ha richiesto una ricerca sonora accurata con una dimensione fortemente live incentrata sulle doti performative della stessa artista.

 

Track by track

https://direzione816.wixsite.com/biografiedcod/alik%C3%A8

 

Alikè nasce in un piccolo paesino del Canton Ticino, Svizzera. Dopo aver seguito corsi di danza, teatro e canto, decide all’età di nove anni di dedicare la sua vita all’arte, scegliendo la disciplina del musical theatre. A 16 anni comincia così la Scuola per Sportivi d’Élite di Tenero combinando scuola e lezioni di tutte e tre le discipline. A 20, viene ammessa in un’accademia di musical a Londra, la sua città del cuore. Allo stesso tempo, sente il bisogno di esplorare la sua voce anche come cantante pop e così si costruisce un repertorio basato principalmente sulla musica R’N’B, soul e pop americano.

Per lei la musica è lo strumento con cui dare vita alle proprie emozioni, permettendole di gestirle meglio anche nella quotidianità. Lo fa raccontandole in modo crudo, senza censure, ma cercando di renderle al tempo stesso sognanti. La collaborazione con Koolbeat comincia nell’estate del 2021. Fin da subito il team ha deciso di dare vita alle emozioni di Alikè trascrivendo in musica le parole da lei pronunciate.

 

Etichetta: Koolbeat

 

INSTAGRAM

https://www.instagram.com/alike_bellanca/

 

l’altoparlante – comunicazione musicale

www.laltoparlante.it

info@laltoparlante.it

Francesco Scocchera - "Resta sempre te"

Dal 3 dicembre è in radio il nuovo inedito dell’artista

Trovare un “Medico Artista” è veramente un caso raro. È la storia di Francesco Scocchera, classe 1964, che nella vita reale svolge la professione di Medico Chirurgo presso una nota azienda ospedaliera di Roma, la cui passione e talento nella scrittura ed arrangiamenti di musica e brani lo porta ad avere una doppia vita anche come artista ed autore: da un lato una professione di grande responsabilità, dall’altra una parte creativa che da sempre lo accompagna e lo stimola.

In questa occasione presenta il brano “Resta sempre te”, dal 3 dicembre in radio, con musica e testo scritti di getto in mezz’ora in una notte d’autunno e dedicati al figlio Davide che, in quel periodo, aveva 8 anni. La canzone è rimasta conservata per lungo tempo e adesso pubblicata in occasione del diciottesimo compleanno del suo ragazzo, come prezioso regalo dedicato a questo giorno così importante. Nel testo l’artista ripercorre in breve i momenti più belli di crescita vissuti insieme al figlio: i pianti, i giochi, le ninne nanne, i piattini di pappa con i sorrisi che lo hanno fatto crescere per diventare il giovane uomo di oggi. Al contempo però con la crescita si concretizza l’allontanamento dai genitori e da quel mondo fantastico vissuto per anni a stretto contatto. “Resta sempre te” è dunque una canzone d’amore il cui messaggio è l’augurio di non separarsi mai del tutto dal genitore, anche se le strade della vita porteranno ad allontanarsi, insieme alla speranza di restare un po’ “bambini” dentro, e custodire nell’animo quei ricordi d’infanzia che ci hanno permesso di diventare le persone che siamo oggi.

L’artista ha dunque toccato le corde giuste con una storia intima, nella quale tutti noi possiamo identificarci. Il suo sfondo artistico si è sviluppato con la grande musica dei mitici anni ‘70 ed ’80 ascoltando gruppi storici come Toto, Earth Wind & Fire, Genesis, Level 42 e con i grandi autori italiani che in parte si ritrovano poi nelle sue canzoni, come la PFM.

Ha studiato pianoforte classico proseguendo poi a scrivere e arrangiare canzoni, dopo una lunga gavetta come tastierista in vari gruppi e come pianista solista in locali di pianobar. Alcuni anni fa, ha rincontrato il grande maestro e amico Mario Zannini Quirini, ritrovato dopo un lungo periodo condiviso suonando insieme. Grazie al suo supporto in qualità di editore e produttore, è rinata una collaborazione artistica e Francesco ha potuto concretizzare finalmente alcuni dei numerosi brani scritti da tempo ma rimasti chiusi in un cassetto; nel 2021 pubblica “E senza dire una parola” cantato in prima persona, ed altri due brani, “Turn you on” di Mia Elison remixato anche in una versione club da Luca Tornesi e “Luna” brano reggaeton dal sapore estivo cantata dal duo Boris y Maela tormentone estivo nei locali cubani in tutta Italia. La sua creatività non si è mai fermata e dal suo magico cassetto siamo sicuri che verranno presto alla luce altri inediti, dove poter assaporare altre belle ed intense storie in musica.

 

Isabel Zolli Promotion Agency

Sede Operativa: via Simone De Saint Bon 47 – Roma

 

Alchimista - Saudade, il nuovo singolo dell'artista milanese

 Il confine fra separazione e unione si dissolve e ciò che resta è saudade.

“Saudade” è una canzone autobiografica che racchiude al suo interno quel sentimento che si respira in un’isola in mezzo all’oceano, al crepuscolo, la sera prima di una partenza. Negli occhi, sotto un cielo a macchie agrodolci, i dettagli indelebili delle ore che precedono la partenza e la separazione.
Nelle immagini esotiche e nella nostalgia del futuro, il confine fra separazione e unione si dissolve.

Etichetta: Orangle Srl -https://www.oranglerecords.com/

Davide Lusardi, in arte Alchimista, è nato nel 1993 a Genova.
Fin da bambino si avvicina al mondo della musica suonando il pianoforte e la chitarra. Durante l’adolescenza con la sua band si esibisce nei locali del genovese e si aggiudica alcuni contest nazionali. Nel dicembre 2019 inizia il suo percorso da solista con il singolo d’esordio “Matto”. Durante il periodo del lockdown nazionale collabora con Roccia, rapper del bergamasco, e nell’estate 2020 pubblica l’ep Canzoni dal Divano.
Nel 2021 partecipa a Casa Sanremo presentando in anteprima il singolo “Come in un sogno”, brano che ha raggiunto i 100K play su Spotify. Nel 2022 pubblica “Vertigine” e poi “Saudade“, primo singolo del nuovo Ep in uscita il prossimo autunno.

CONTATTI SOCIAL
 
SPOTIFY
https://open.spotify.com/artist/39Y4OawKx3mNqYMiR0mOUK?si=XtmSeTzoSrCvtZKAcflQ3g
INSTAGRAM
https://www.instagram.com/alchimista_music/

l’altoparlante – comunicazione musicale - https://www.laltoparlante.it/
info@laltoparlante.it - 348 3650978

Claudio Mariano - Il libro “Il bello di cadere”

Lo scrittore presenta il libro autobiografico che tratta il tema delicato riguardante stress, ansia e attacchi di panico.

Parte dall’esperienza personale, vissuta e superata dall’autore stesso, il libro “Il bello di cadere” di Claudio Mariano, scrittore originario di Luino, paese in provincia di Varese, situato sulle sponde del lago Maggiore. La storia narrata nel volume tratta un tema delicato, che riguarda disturbi seri e complessi come lo stress, l’ansia e soprattutto gli attacchi di panico, derivati spesso da forti situazioni di shock. Questi disturbi sono molto più diffusi di quanto si creda, e con la recente pandemia, si sono acutizzati e sono diventati maggiormente visibili, anche tra i giovani. L’isolamento, la paura, le continue incertezze sul futuro unite all’incapacità di affrontare situazioni che ci sembrano insormontabili, possono portare ad estremizzare questi disagi.

Certamente esistono terapie e supporti specializzati, ma un primo aiuto/riflessione può arrivare leggendo questo libro, dove l’autore svela questa sua parte di vita così intima. Oltre a queste patologie descrive l’importanza che gli stessi disturbi hanno avuto nella lotta per raggiungere una nuova fase di percorso rinascimentale, la cui vittoria ha dato il via alla parte più vera di lui, sbloccandolo da questa prigione. All’interno della narrativa trovano spazio non solo i cenni autobiografici, ma anche consigli pratici e curiosità specifiche, per dare un supporto efficace a quanti si riconoscono in questa tematica. L’intento è divulgare la sua esperienza affinché diventi speranza per chiunque viva queste situazioni, lasciando spazio alla parola “bello”: infatti già dal titolo Mariano evidenzia l’aspetto positivo che lui è riuscito a trovare lungo il percorso di guarigione, trasmettendo dunque fiducia ai lettori nella ricerca di una soluzione, di una via d’uscita. Senza panico, la soluzione si può trovare, il lato positivo è comunque nascosto nell’angolo dell’aspetto negativo, che una volta svelato, sgretola e ridimensiona il tutto, attraverso una nuova visione delle cose. Ed egli stesso cita questo calzante esempio: “Come l’astronomia insegna, la maestosità di una volta celeste sarà più visibile sotto il più buio dei cieli”.

L’autore attualmente sta completando gli studi in psicologia delle risorse umane, delle organizzazioni e del lavoro e sta affinando le sue competenze come formatore anche nel campo del “life coaching”, così da poter dare ai suoi clienti/alunni gli strumenti giusti per il raggiungimento dei propri obiettivi di vita.

 

Isabel Zolli Promotion Agency

Sede Operativa: via Simone De Saint Bon 47 – Roma

High For Free - Il nuovo singolo di Be Klaire

Il giovane artista continua a produrre singoli dal forte impatto emotivo

High For Free” è nato da un riff sul pianoforte che l’artista aveva in mente da tempo. È stato completato quando “Train of Silence” fu registrata. Il brano ha un senso molto metaforico e con un suono diverso dagli altri brani, sottolineandone l’importanza. L’espressiva voce di Be Klaire dona a questa intensa ed intima ballad una verve d’altri tempi mantenendo originalità e profonda passione. Una canzone dal forte impatto emotivo che conferma una maturità compositiva ed espressiva già ampiamente notata dall’ascolto dei singoli precedenti del giovane artista.

Be Klaire” ha 16 anni e si diverte raccontando le sue “avventure” attraverso le canzoni. Il primo capitolo del suo percorso artistico è “People’s Eyes”, pubblicato nel dicembre 2020, continuando con “Free Me Now” nel luglio 2021 e “Train of Silence” nell’agosto 2022 e attualmente in promozione nazionale con il nuovo singolo “High For Free” distribuito sui principali Digital Store e nelle radio italiane. I suoi gusti musicali spaziano da Lady Gaga, passando per Lana Del Rey fino ad arrivare a Marilyn Manson, portandolo così a sperimentare più suoni possibili. Be Klaire ha molti progetti futuri e vi invita a seguirlo sui suoi canali social e nelle sue performance live per scoprirli.

 

FACEBOOK

https://www.facebook.com/Be-Klaire-106280394155607

https://www.facebook.com/be.klaire

INSTAGRAM

https://www.instagram.com/beklaire_/

SPOTIFY

https://open.spotify.com/artist/1oJ0XJYdHW06sYFPW66ehd?si=z8LtYfP2T8KqqnYjuI0e5A

Giovanni Sarpietro - “Se qualcuno ci sente poi”

Il nuovo progetto del cantautore umbro-siculo

Un brano in cui coesistono passato e presente, sonorità acustiche e digitali e la dolce malinconia dell’autunno. Una canzone nata l’autunno di circa un anno fa che racconta proprio di un autunno. Settimane fredde, fatte di viaggi a Londra, di foto con gli occhi chiusi, di sbronze, di cancelli scavalcati e di lontananza, orgoglio e incomprensioni. Un rapporto irrequieto che lascia progressivamente posto ad una complicità autentica e a quella intimità che solo una coppia può vivere. «E se qualcuno ci sente poi?»

Gli archi scaldano le atmosfere autunnali, cercando di conciliare le diverse anime sonore del cantautorato italiano.

«SE QUALCUNO CI SENTE POI è il primo singolo di un progetto più ampio che culminerà con l’uscita di un disco "troppo" romantico. Le sonorità del progetto sono il frutto di un matrimonio, a volte turbolento, tra suoni acustici e digitali, tra legno e plastica, tra modernità e tradizione, cercando un equilibrio che ha accompagnato la stesura di questo album e la mia stessa formazione musicale dal conservatorio ai club, dai violini alla stratocaster.» Giovanni Sarpietro

Giovanni Sarpietro vive a Perugia ed ha origini umbro-sicule. Classe 1990, viene da una formazione classica, frequenta in giovane età il Conservatorio Morlacchi di Perugia, per poi dedicarsi agli ambiti musicali più disparati. Collabora con la compagnia “Arebur” di Liv Ferracchiati per la composizione e arrangiamento di musiche per il teatro e partecipa alla realizzazione di opere musicali appartenenti a diversi generi (Rock Brigade, Decostruttori Postmodernisti). Nel 2018, dopo aver vissuto in Inghilterra, vive una fase di forte esterofilia e inaugura il progetto elettro-pop “In Wave”, con il quale ha all’attivo un omonimo LP (In Wave, 2022), registrato a Torino presso il Punto V di Luca Vicini. Nel 2020, durante il periodo di lockdown, inizia a collezionare i testi e i brani che formeranno poi il cuore della sua produzione cantautoriale. Cominciano quindi a delinearsi i margini di un prodotto artistico di cui fa parte “SE QUALCUNO CI SENTE POI”, primo singolo del nuovo album.

La produzione del brano e del disco è stata seguita da Salvatore Addeo presso gli Aemme Recording Studios.

 

Contatti e social:

https://linktr.ee/giovannisarpietro

 

l’altoparlante – comunicazione musicale

www.laltoparlante.it

info@laltoparlante.it

Eusebio Martinelli Gipsy Orkestar feat. Cisco e Tonino Carotone - “Tratto leggero”

Il nuovo singolo con la partecipazione dei due grandi cantautori

Un brano dedicato a chi attraversa la storia in maniera tangente, senza esserne protagonista, tra sonorità gipsy e un’intelligente ironia. “Tratto leggero” (feat. Cisco e Tonino Carotone) è il brano di chi passa attraverso la storia senza lasciare traccia, di chi resta invisibile pur essendo concreto e pur vivendo grandi tragedie o avventure, che è un po’ la storia di tutti noi, che per quanto possiamo sentirci importanti alla fine non lasceremo alcuna traccia con le nostre impronte. Due grandi artisti sono ospiti in questo brano: Stefano Cisco Bellotti che con il suo enorme carisma e la sua musica ha passato la vita a dare voce agli invisibili con canzoni che hanno fatto la storia e Tonino Carotone che in questo brano apporta il suo contenuto filosofico e ci spiega che la vita sarà anche una scatola vuota o senza forma, ma una cosa è sicura: “La vida es una consecuencia del amor”. Il singolo è parte di “SBAM!” l’album che segna una svolta nel sound e nel mindset della band.

Dicono di “SBAM!”

«“Sbam!” è un disco che in piedi ci cade e ci cade anche bene, soprattutto quando mostra un coraggio raramente toccato da altri nel cercare mille strade diverse da suonare con lo stesso strumento. E la sua Gipsy Orkestar sa come svolgere a pieno questo mestiere. Che bel sentire di mondo e di tempo questo “Sbam!”» Indie Roccia

«Decisamente un disco libero. Ecco una parola che entra prepotente dopo l’ascolto. Libero significa anche rispetto delle forme, padronanza dei mezzi e contaminazione capace di mescolare con coerenza ingredienti quotidiani» Exitwell

«E in questo disco siate pronti per la contaminazione e il surrealismo che arriva dentro allegorie non solo liriche ma anche e soprattutto sonore.» 100 decibel

«"SBAM!" è un caleidoscopio di emozioni: dalla volontà di libertà espressa in CALMA APPARENTE dove si parla della famosa quiete prima della tempesta; TRATTO LEGGERO è uno di quei brani che lasciano un solco profondo: Cisco e Tonino Carotone sono i due artisti scelti per arricchire il brano che parla degli invisibili ovvero di coloro che non lasciano traccia.» Low Music

EMGO nasce dalla mente di Eusebio Martinelli, che dopo una lunga carriera in collaborazione con grandi artisti (Capossela, Bregovich, Negramaro, Sud Sound System, Biagio Antonacci, Modena City Ramblers, Calexico, Demo Morselli, Mark Ribot, Kocani Orkestar e tanti altri) decide di concentrare la sua solida esperienza nel progetto che da ormai 10 anni infiamma le piazze e i festival di tutta Italia ed Europa. Con i primi tre album, la band dà vita a importanti collaborazioni e tour, arrivando ad attraversare tutti i Paesi europei, da Marsiglia a San Pietroburgo. Durante la pandemia nascono ben due album, di cui il primo, “Trumpet Explosion”, apre gli orizzonti della band anche verso la musica colta e il mondo dei teatri, in cui Eusebio esprime il proprio virtuosismo e l’amore per la musica di autori come Chopin, Brahams e Paganini, avendo ulteriormente migliorato la propria tecnica studiando intensamente in lockdown. “SBAM!”, uscito nel 2022, segna una svolta nel sound e nel mindset della band.

 

Etichetta: Maninalto!

 

YouTube

https://www.youtube.com/c/EusebioMartinelliTrumpet

Instagram

https://www.instagram.com/eusebio_martinelli/

Facebook

https://www.facebook.com/eusebio.martinelli.gipsy.orkestar

Spotify

https://open.spotify.com/artist/58YykjuRTVIZmSvX1Gw53e

Website

https://www.eusebiomartinelli.com

 

l’altoparlante – comunicazione musicale

www.laltoparlante.it

info@laltoparlante.it

Aria - “A Christmas Letter”

Il nuovo progetto del producer e compositore Mariano Schiavolini

Un brano corale, dedicato al Natale, alla pace e alle donne, ispirato alle sonorità della Motown. “Christmas letter” è una canzone di Natale, un’invocazione alla pace, all’armonia e allo stare insieme, ma è anche soprattutto un brano dedicato alle donne e ai loro figli.

«Sono moltissime le donne che per motivi differenti si trovano lontane da casa e sono obbligate a rinunciare alla famiglia in un giorno così importante. Penso in particolare a tutte le donne che vivono condizioni di difficoltà, immerse nei conflitti e nel dolore che generano. Questa canzone è dedicata a loro.» Aria

Il testo, nato dalla penna dall’autrice e scrittrice di Cambridge Nicolette Turner, racconta di una mamma militare che è stata inviata in estremo oriente, presso un territorio di guerra, e scrive al proprio figlio promettendogli che farà tutto il possibile per essere presente a Natale e festeggiare insieme. A Christmas Letter, è una fusione tra musica soul e musica classica, con sonorità e arrangiamenti di ARIA che richiamano lo stile di George Gershwin. Lo sottolineano l’uso del clarinetto solista che accompagna la voce della cantante e gli archi armoniosamente dissonanti, tipici della musica atonale e nella musica sperimentale nei primi del 900.  

Il nuovo brano realizzato dal produttore e compositore polistrumentista è stato registrato in South Africa, nel famoso studio di registrazione Downtonw recording studios di Johannesburg, dove è stato girato anche il video. Una seconda parte della produzione è stata invece svolta al recording studios di Los Angeles da Jack Rouben, produttore di Gloria Gaynor, Aretha Franklin, Céline Dion, Earth, Wind & Fire. Alla registrazione del disco hanno preso parte la cantante afroamericana Sherita-o, The City of Prague Philharmonic con il violino solista della violinista Lucie Svehlova, oltre al coro macedone di voci bianche “Heruvimi” e un coro in lingua Zulù. Gli arrangiamenti orchestrali e l’orchestrazione sono stati realizzati da Aria.

Aria è ambientalista e animalista, attivo sostenitore di diverse associazioni, tra le quali Animals Asia Foundation impegnata a porre fine all'allevamento di orsi nelle “fattorie della bile” allevamenti intensivi di orsi tibetani, detti anche orsi della luna, dove tali animali vengono rinchiusi in gabbie strettissime per estrarne la bile, ingrediente utilizzato nella medicina tradizionale cinese. Nel 2013 Aria ha realizzato il sito www.ilvolodellaquila.it, un progetto multimediale che unisce musica e protezione dell'ambiente, in cui propone spezzoni di video sul regno animale accompagnati dalle sue musiche. Usandola come punto di partenza, Aria ha creato una prospettiva toccante e a volte stimolante sugli animali, e il pubblico assiste ai momenti più belli della natura e ai pericoli creati dall'uomo che la minacciano. Con oltre 1,5 milioni di visualizzazioni, il progetto ha riscosso un enorme successo nell'educare sulle questioni ambientali con il potere della musica. Aria è forse meglio conosciuto come membro fondatore della band prog-rock italiana originale Celeste (soprannominata "i King Crimson italiani") ed ha una lunga e ricca storia in varie culture musicali. È un punto fermo del festival musicale di Sanremo, dove vive, ponendosi quale ponte tra il mondo della musica italiana e quella britannica. Il suo personale percorso musicale abbraccia la creazione della principale etichetta discografica rock italiana Dischi Noi (RCA Distribution), arrivando a collaborare con artisti del calibro di Kit Woolven (David Bowie, Thin Lizzy) e Nick Griffits (Pink Floyd, Roger Waters) e Daniel Boone (The Who, Kraftwerk), fino alla produzione di concerti su Rock at Midnight per Italia1 Tv.

Aria è il nome d'arte di Mariano Schiavolini. Il concept e lo pseudonimo del nome sono nati come omaggio agli elementi della natura che ci ispirano a vivere e creare in armonia con ciò che ci circonda. Una volta che si perde il contatto con la natura non si è più sé stessi. Questa connessione, questo legame, è ciò che spinge Aria a dare vita a produzioni che spesso traggono una profonda ispirazione dal mondo naturale. Gli inizi di Aria sono stati molto più con i piedi per terra. Figura chiave della scena rock progressiva italiana e membro fondatore dei celebri Celeste (alias The King Crimson of Italy), Aria ha affinato la sua arte nei generi più sperimentali, collaborando anche con innumerevoli artisti e produttori del suo tempo: Kit Woolven, Nick Griffiths, Pete Hinton, Guy Bidmead, Daniel Boone, Simon Fraser, Dennis Herman e Will Reid Dick, per citarne alcuni. Negli ultimi anni Aria è tornato all'ovile, inserendosi nell'industria musicale con la musica “contaminata”. Con profondi temi lirici come la difficile situazione dei rifugiati in tempo di guerra, la devastazione dell'ambiente e la tragica scomparsa della fauna selvatica del nostro pianeta, fonde argomenti importanti con un melange di elementi musicali, come il rock progressivo, il soul e orchestre dal vivo. Collaborazioni più recenti sono il risultato di un recente viaggio in Sud Africa, dove Aria ha avuto il piacere di registrare con i membri della band della compianta Miriam Makeba, con Thuthukani Cele (di Lucky Dube fama) e il famoso Soweto Gospel Choir.

Lo scorso 22 aprile è uscito sul mercato internazionale, a supporto dell’evento della Giornata della Terra, il brano The next life, facente parte del doppio singolo contenente Lady in white. The next life è una canzone dedicata all’ambiente e agli animali in estinzione, il cui testo è stato scritto dall’autrice e cantautrice di Los Angeles Britt Warner ed ospita l’interpretazione del giovane rapper e ambientalista americano Ray Reed, di Huston.

 

Etichetta: Assieme

 

Instagram

www.instagram.com/ariathecomposer/

Sito web

www.ariamusicworld.com

 

l’altoparlante – comunicazione musicale

www.laltoparlante.it

info@laltoparlante.it

Five Hundred - “Noi due e basta”

Il nuovo singolo della band torinese

Richiami anni ‘80 per un’atmosfera da inizio serata, al contempo eccitante e nostalgica. “Noi due e basta” è un brano che narra di un amore impossibile, costretto a non andare avanti a causa dell’orgoglio dei due protagonisti. L’atmosfera di un inizio serata, con quel misto di carica e nostalgia che la caratterizza, crea l’ambiente in cui parlare di un’esperienza sentimentale che non è di nessuno, ma appartiene a tutti.

«Questo brano nasce lo scorso giugno, periodo in cui abbiamo ricercato e studiato un nostro possibile stile musicale che ci rappresentasse davvero e soprattutto ci piacesse. Le nostre ispirazioni, infatti, sono davvero diverse e spaziano molto tra l’indie pop italiano e l’R&B». Five Hundred

Five Hundred è una band pop di Torino attiva dal 2015. Nel maggio 2018 esce il loro primo EP "Dolci Ispirazioni" con i primi cinque inediti che descrivono le influenze musicali dei componenti. Dopo un anno di ricerca di una propria identità artistica, esce il singolo "Oggi ho scelto" caratterizzato da uno stile Indie Pop. Il 2020 è un anno chiave, determinato dall'uscita di due singoli come "Fuori Tempo" e "Non so il perché", con cui la band raggiunge la propria maturità artistica. Dopo un anno di inattività concertistica, il 16 aprile 2021 esce il loro nuovo singolo "Adrenalina", canzone che simboleggia una risposta positiva in contrapposizione al periodo storico. Grazie a questo singolo finiscono in varie playlist di Spotify e Apple Music e, inoltre, il 26 giugno 2021 partecipano al "Fatti Sentire Festival" trasmesso il 12 agosto dello stesso anno su Rai 2. Hanno all’attivo anni di concerti su diversi palchi come Hiroshima Mon Amour, Gru Village Festival e Ariston di Sanremo, con la partecipazione a Casa Sanremo e Sanremo Rock, la band decide di rendere pubblici i propri lavori in studio.

 

I Five Hundred sono:

Riccardo Ceccarelli - voce e chitarra

Federico Currà - basso

Erik Brienza - batteria

 

INSTAGRAM

https://www.instagram.com/fivehundredband/

FACEBOOK

https://www.facebook.com/fivehundredband

SITO WEB

https://fivehundredband.com/

 

l’altoparlante – comunicazione musicale

www.laltoparlante.it

info@laltoparlante.it

 

View older posts »

Blog Component

MadMars e Paco6x - Sparami

Il nuovo singolo dell artista veneziano
Un brano dalle sonorità Sad e Strong

In “Sparami” si miscelano vari generi diversi tra l’oro come l’Indie e il Pop Rock, fondendosi con un’anima R&B dalle sonorità sia Sad che Strong.
“Sparami” decanta la voglia di rivalsa del suo autore, con la consapevolezza e la fierezza di chi è riuscito ad uscire più forte di prima da una storia d’amore complicata. Il tutto è raccontato con energia e grinta, quasi con rabbia, proprio a dimostrare la sicurezza delle proprie scelte di cui si ha, finalmente, il controllo.

Verso la conclusione del brano il sound si ammorbidisce, come per dare il giusto lieto fine alla storia, e la rabbia si trasforma in un dolce canto che sa tanto di inno alla vita.

Etichetta: Orangle Srl - https://www.oranglerecords.com/

Martina Caiazzo in arte MadMars nasce a Torre Annunziata nel 1993. Sin da piccola ha manifestato la sua grande passione per la musica ma soprattutto per il canto condividendo questa passione con il padre. Da qualche anno frequenta l'It's Classic Studio ed è proprio lì che ha iniziato ad apprezzare l'hip hop, il rap e la musica black. Grazie a Paco6x riesce a muovere i primi passi del suo percorso musicale pubblicando nel 2021 il primo singolo.
«La musica per me è il mezzo per abbattere le barriere di discriminazione, la musica è il più bel modo di comunicare, puoi fare una rivoluzione con un giro di accordi» MadMars

Paco6x, all’anagrafe Pasquale Cirillo, classe 1986, è un produttore musicale di Torre Annunziata, in provincia di Napoli. Si avvicina all’hip hop e al mondo del beatmaking grazie all’influenza del fratello Nunzio, in arte Zagor M, writer molto conosciuto in zona e membro del gruppo DalBasso, gruppo storico di Torre Annunziata. In seguito, insieme a Valerio Nazo, fonda l’It’s Classic Studio, il quale, anche grazie a “It’s Classic Mixtape” vol. 1 e vol. 2, continua ad essere uno dei pezzi di storia dell’hip hop campano ancora attivi. Da qui in avanti sono tantissimi i prodotti rilasciati, e non mancano riconoscimenti e certificazioni come il disco di platino per aver prodotto “A’ Verità”, brano di Rocco Hunt con Enzo Avitabile, title track del secondo album dell’artista salernitano.

Spotify
https://open.spotify.com/artist/3WebJTnEORkGXG3eggdd3U
Instagram
https://www.instagram.com/madmars_music/
Tik Tok
https://www.tiktok.com/@madmars_music

 

Alikè - “Free Therapy”

L’esordio discografico della performer svizzera

Quattro tracce tra inglese e italiano che, come una terapia, affrontano incubi e disagi per tornare a ballare leggeri. Un progetto fortemente pop che affronta temi molto personali in una sorta di seduta psicologica di fronte a sé stessi. Nei brani che compongono l’Ep Alikè affronta con coraggio temi come la separazione da chi amiamo, le incertezze del futuro, la solitudine e tutte le nostre debolezze con l’obiettivo di trasformarle in punti di forza della vita. I brani si alternano fra italiano e inglese, il linguaggio dei testi è stato semplificato per lasciare spazio alla percezione emotiva della musica e degli ambienti sonori, fondendo a volte melodia e testo in un tutt’uno.

Le storie di Alikè arrivano direttamente dal suo bagaglio di esperienze personale, ma la particolarità del suo lavoro è nel trasformare quei sentimenti crudi in qualcosa di sognante, catchy e fruibile agli altri. La produzione artistica e discografica mira ad un pubblico internazionale e la lavorazione del sound ha richiesto una ricerca sonora accurata con una dimensione fortemente live incentrata sulle doti performative della stessa artista.

 

Track by track

https://direzione816.wixsite.com/biografiedcod/alik%C3%A8

 

Alikè nasce in un piccolo paesino del Canton Ticino, Svizzera. Dopo aver seguito corsi di danza, teatro e canto, decide all’età di nove anni di dedicare la sua vita all’arte, scegliendo la disciplina del musical theatre. A 16 anni comincia così la Scuola per Sportivi d’Élite di Tenero combinando scuola e lezioni di tutte e tre le discipline. A 20, viene ammessa in un’accademia di musical a Londra, la sua città del cuore. Allo stesso tempo, sente il bisogno di esplorare la sua voce anche come cantante pop e così si costruisce un repertorio basato principalmente sulla musica R’N’B, soul e pop americano.

Per lei la musica è lo strumento con cui dare vita alle proprie emozioni, permettendole di gestirle meglio anche nella quotidianità. Lo fa raccontandole in modo crudo, senza censure, ma cercando di renderle al tempo stesso sognanti. La collaborazione con Koolbeat comincia nell’estate del 2021. Fin da subito il team ha deciso di dare vita alle emozioni di Alikè trascrivendo in musica le parole da lei pronunciate.

 

Etichetta: Koolbeat

 

INSTAGRAM

https://www.instagram.com/alike_bellanca/

 

l’altoparlante – comunicazione musicale

www.laltoparlante.it

info@laltoparlante.it

Francesco Scocchera - "Resta sempre te"

Dal 3 dicembre è in radio il nuovo inedito dell’artista

Trovare un “Medico Artista” è veramente un caso raro. È la storia di Francesco Scocchera, classe 1964, che nella vita reale svolge la professione di Medico Chirurgo presso una nota azienda ospedaliera di Roma, la cui passione e talento nella scrittura ed arrangiamenti di musica e brani lo porta ad avere una doppia vita anche come artista ed autore: da un lato una professione di grande responsabilità, dall’altra una parte creativa che da sempre lo accompagna e lo stimola.

In questa occasione presenta il brano “Resta sempre te”, dal 3 dicembre in radio, con musica e testo scritti di getto in mezz’ora in una notte d’autunno e dedicati al figlio Davide che, in quel periodo, aveva 8 anni. La canzone è rimasta conservata per lungo tempo e adesso pubblicata in occasione del diciottesimo compleanno del suo ragazzo, come prezioso regalo dedicato a questo giorno così importante. Nel testo l’artista ripercorre in breve i momenti più belli di crescita vissuti insieme al figlio: i pianti, i giochi, le ninne nanne, i piattini di pappa con i sorrisi che lo hanno fatto crescere per diventare il giovane uomo di oggi. Al contempo però con la crescita si concretizza l’allontanamento dai genitori e da quel mondo fantastico vissuto per anni a stretto contatto. “Resta sempre te” è dunque una canzone d’amore il cui messaggio è l’augurio di non separarsi mai del tutto dal genitore, anche se le strade della vita porteranno ad allontanarsi, insieme alla speranza di restare un po’ “bambini” dentro, e custodire nell’animo quei ricordi d’infanzia che ci hanno permesso di diventare le persone che siamo oggi.

L’artista ha dunque toccato le corde giuste con una storia intima, nella quale tutti noi possiamo identificarci. Il suo sfondo artistico si è sviluppato con la grande musica dei mitici anni ‘70 ed ’80 ascoltando gruppi storici come Toto, Earth Wind & Fire, Genesis, Level 42 e con i grandi autori italiani che in parte si ritrovano poi nelle sue canzoni, come la PFM.

Ha studiato pianoforte classico proseguendo poi a scrivere e arrangiare canzoni, dopo una lunga gavetta come tastierista in vari gruppi e come pianista solista in locali di pianobar. Alcuni anni fa, ha rincontrato il grande maestro e amico Mario Zannini Quirini, ritrovato dopo un lungo periodo condiviso suonando insieme. Grazie al suo supporto in qualità di editore e produttore, è rinata una collaborazione artistica e Francesco ha potuto concretizzare finalmente alcuni dei numerosi brani scritti da tempo ma rimasti chiusi in un cassetto; nel 2021 pubblica “E senza dire una parola” cantato in prima persona, ed altri due brani, “Turn you on” di Mia Elison remixato anche in una versione club da Luca Tornesi e “Luna” brano reggaeton dal sapore estivo cantata dal duo Boris y Maela tormentone estivo nei locali cubani in tutta Italia. La sua creatività non si è mai fermata e dal suo magico cassetto siamo sicuri che verranno presto alla luce altri inediti, dove poter assaporare altre belle ed intense storie in musica.

 

Isabel Zolli Promotion Agency

Sede Operativa: via Simone De Saint Bon 47 – Roma

 

Alchimista - Saudade, il nuovo singolo dell'artista milanese

 Il confine fra separazione e unione si dissolve e ciò che resta è saudade.

“Saudade” è una canzone autobiografica che racchiude al suo interno quel sentimento che si respira in un’isola in mezzo all’oceano, al crepuscolo, la sera prima di una partenza. Negli occhi, sotto un cielo a macchie agrodolci, i dettagli indelebili delle ore che precedono la partenza e la separazione.
Nelle immagini esotiche e nella nostalgia del futuro, il confine fra separazione e unione si dissolve.

Etichetta: Orangle Srl -https://www.oranglerecords.com/

Davide Lusardi, in arte Alchimista, è nato nel 1993 a Genova.
Fin da bambino si avvicina al mondo della musica suonando il pianoforte e la chitarra. Durante l’adolescenza con la sua band si esibisce nei locali del genovese e si aggiudica alcuni contest nazionali. Nel dicembre 2019 inizia il suo percorso da solista con il singolo d’esordio “Matto”. Durante il periodo del lockdown nazionale collabora con Roccia, rapper del bergamasco, e nell’estate 2020 pubblica l’ep Canzoni dal Divano.
Nel 2021 partecipa a Casa Sanremo presentando in anteprima il singolo “Come in un sogno”, brano che ha raggiunto i 100K play su Spotify. Nel 2022 pubblica “Vertigine” e poi “Saudade“, primo singolo del nuovo Ep in uscita il prossimo autunno.

CONTATTI SOCIAL
 
SPOTIFY
https://open.spotify.com/artist/39Y4OawKx3mNqYMiR0mOUK?si=XtmSeTzoSrCvtZKAcflQ3g
INSTAGRAM
https://www.instagram.com/alchimista_music/

l’altoparlante – comunicazione musicale - https://www.laltoparlante.it/
info@laltoparlante.it - 348 3650978

Claudio Mariano - Il libro “Il bello di cadere”

Lo scrittore presenta il libro autobiografico che tratta il tema delicato riguardante stress, ansia e attacchi di panico.

Parte dall’esperienza personale, vissuta e superata dall’autore stesso, il libro “Il bello di cadere” di Claudio Mariano, scrittore originario di Luino, paese in provincia di Varese, situato sulle sponde del lago Maggiore. La storia narrata nel volume tratta un tema delicato, che riguarda disturbi seri e complessi come lo stress, l’ansia e soprattutto gli attacchi di panico, derivati spesso da forti situazioni di shock. Questi disturbi sono molto più diffusi di quanto si creda, e con la recente pandemia, si sono acutizzati e sono diventati maggiormente visibili, anche tra i giovani. L’isolamento, la paura, le continue incertezze sul futuro unite all’incapacità di affrontare situazioni che ci sembrano insormontabili, possono portare ad estremizzare questi disagi.

Certamente esistono terapie e supporti specializzati, ma un primo aiuto/riflessione può arrivare leggendo questo libro, dove l’autore svela questa sua parte di vita così intima. Oltre a queste patologie descrive l’importanza che gli stessi disturbi hanno avuto nella lotta per raggiungere una nuova fase di percorso rinascimentale, la cui vittoria ha dato il via alla parte più vera di lui, sbloccandolo da questa prigione. All’interno della narrativa trovano spazio non solo i cenni autobiografici, ma anche consigli pratici e curiosità specifiche, per dare un supporto efficace a quanti si riconoscono in questa tematica. L’intento è divulgare la sua esperienza affinché diventi speranza per chiunque viva queste situazioni, lasciando spazio alla parola “bello”: infatti già dal titolo Mariano evidenzia l’aspetto positivo che lui è riuscito a trovare lungo il percorso di guarigione, trasmettendo dunque fiducia ai lettori nella ricerca di una soluzione, di una via d’uscita. Senza panico, la soluzione si può trovare, il lato positivo è comunque nascosto nell’angolo dell’aspetto negativo, che una volta svelato, sgretola e ridimensiona il tutto, attraverso una nuova visione delle cose. Ed egli stesso cita questo calzante esempio: “Come l’astronomia insegna, la maestosità di una volta celeste sarà più visibile sotto il più buio dei cieli”.

L’autore attualmente sta completando gli studi in psicologia delle risorse umane, delle organizzazioni e del lavoro e sta affinando le sue competenze come formatore anche nel campo del “life coaching”, così da poter dare ai suoi clienti/alunni gli strumenti giusti per il raggiungimento dei propri obiettivi di vita.

 

Isabel Zolli Promotion Agency

Sede Operativa: via Simone De Saint Bon 47 – Roma

High For Free - Il nuovo singolo di Be Klaire

Il giovane artista continua a produrre singoli dal forte impatto emotivo

High For Free” è nato da un riff sul pianoforte che l’artista aveva in mente da tempo. È stato completato quando “Train of Silence” fu registrata. Il brano ha un senso molto metaforico e con un suono diverso dagli altri brani, sottolineandone l’importanza. L’espressiva voce di Be Klaire dona a questa intensa ed intima ballad una verve d’altri tempi mantenendo originalità e profonda passione. Una canzone dal forte impatto emotivo che conferma una maturità compositiva ed espressiva già ampiamente notata dall’ascolto dei singoli precedenti del giovane artista.

Be Klaire” ha 16 anni e si diverte raccontando le sue “avventure” attraverso le canzoni. Il primo capitolo del suo percorso artistico è “People’s Eyes”, pubblicato nel dicembre 2020, continuando con “Free Me Now” nel luglio 2021 e “Train of Silence” nell’agosto 2022 e attualmente in promozione nazionale con il nuovo singolo “High For Free” distribuito sui principali Digital Store e nelle radio italiane. I suoi gusti musicali spaziano da Lady Gaga, passando per Lana Del Rey fino ad arrivare a Marilyn Manson, portandolo così a sperimentare più suoni possibili. Be Klaire ha molti progetti futuri e vi invita a seguirlo sui suoi canali social e nelle sue performance live per scoprirli.

 

FACEBOOK

https://www.facebook.com/Be-Klaire-106280394155607

https://www.facebook.com/be.klaire

INSTAGRAM

https://www.instagram.com/beklaire_/

SPOTIFY

https://open.spotify.com/artist/1oJ0XJYdHW06sYFPW66ehd?si=z8LtYfP2T8KqqnYjuI0e5A

Giovanni Sarpietro - “Se qualcuno ci sente poi”

Il nuovo progetto del cantautore umbro-siculo

Un brano in cui coesistono passato e presente, sonorità acustiche e digitali e la dolce malinconia dell’autunno. Una canzone nata l’autunno di circa un anno fa che racconta proprio di un autunno. Settimane fredde, fatte di viaggi a Londra, di foto con gli occhi chiusi, di sbronze, di cancelli scavalcati e di lontananza, orgoglio e incomprensioni. Un rapporto irrequieto che lascia progressivamente posto ad una complicità autentica e a quella intimità che solo una coppia può vivere. «E se qualcuno ci sente poi?»

Gli archi scaldano le atmosfere autunnali, cercando di conciliare le diverse anime sonore del cantautorato italiano.

«SE QUALCUNO CI SENTE POI è il primo singolo di un progetto più ampio che culminerà con l’uscita di un disco "troppo" romantico. Le sonorità del progetto sono il frutto di un matrimonio, a volte turbolento, tra suoni acustici e digitali, tra legno e plastica, tra modernità e tradizione, cercando un equilibrio che ha accompagnato la stesura di questo album e la mia stessa formazione musicale dal conservatorio ai club, dai violini alla stratocaster.» Giovanni Sarpietro

Giovanni Sarpietro vive a Perugia ed ha origini umbro-sicule. Classe 1990, viene da una formazione classica, frequenta in giovane età il Conservatorio Morlacchi di Perugia, per poi dedicarsi agli ambiti musicali più disparati. Collabora con la compagnia “Arebur” di Liv Ferracchiati per la composizione e arrangiamento di musiche per il teatro e partecipa alla realizzazione di opere musicali appartenenti a diversi generi (Rock Brigade, Decostruttori Postmodernisti). Nel 2018, dopo aver vissuto in Inghilterra, vive una fase di forte esterofilia e inaugura il progetto elettro-pop “In Wave”, con il quale ha all’attivo un omonimo LP (In Wave, 2022), registrato a Torino presso il Punto V di Luca Vicini. Nel 2020, durante il periodo di lockdown, inizia a collezionare i testi e i brani che formeranno poi il cuore della sua produzione cantautoriale. Cominciano quindi a delinearsi i margini di un prodotto artistico di cui fa parte “SE QUALCUNO CI SENTE POI”, primo singolo del nuovo album.

La produzione del brano e del disco è stata seguita da Salvatore Addeo presso gli Aemme Recording Studios.

 

Contatti e social:

https://linktr.ee/giovannisarpietro

 

l’altoparlante – comunicazione musicale

www.laltoparlante.it

info@laltoparlante.it

Eusebio Martinelli Gipsy Orkestar feat. Cisco e Tonino Carotone - “Tratto leggero”

Il nuovo singolo con la partecipazione dei due grandi cantautori

Un brano dedicato a chi attraversa la storia in maniera tangente, senza esserne protagonista, tra sonorità gipsy e un’intelligente ironia. “Tratto leggero” (feat. Cisco e Tonino Carotone) è il brano di chi passa attraverso la storia senza lasciare traccia, di chi resta invisibile pur essendo concreto e pur vivendo grandi tragedie o avventure, che è un po’ la storia di tutti noi, che per quanto possiamo sentirci importanti alla fine non lasceremo alcuna traccia con le nostre impronte. Due grandi artisti sono ospiti in questo brano: Stefano Cisco Bellotti che con il suo enorme carisma e la sua musica ha passato la vita a dare voce agli invisibili con canzoni che hanno fatto la storia e Tonino Carotone che in questo brano apporta il suo contenuto filosofico e ci spiega che la vita sarà anche una scatola vuota o senza forma, ma una cosa è sicura: “La vida es una consecuencia del amor”. Il singolo è parte di “SBAM!” l’album che segna una svolta nel sound e nel mindset della band.

Dicono di “SBAM!”

«“Sbam!” è un disco che in piedi ci cade e ci cade anche bene, soprattutto quando mostra un coraggio raramente toccato da altri nel cercare mille strade diverse da suonare con lo stesso strumento. E la sua Gipsy Orkestar sa come svolgere a pieno questo mestiere. Che bel sentire di mondo e di tempo questo “Sbam!”» Indie Roccia

«Decisamente un disco libero. Ecco una parola che entra prepotente dopo l’ascolto. Libero significa anche rispetto delle forme, padronanza dei mezzi e contaminazione capace di mescolare con coerenza ingredienti quotidiani» Exitwell

«E in questo disco siate pronti per la contaminazione e il surrealismo che arriva dentro allegorie non solo liriche ma anche e soprattutto sonore.» 100 decibel

«"SBAM!" è un caleidoscopio di emozioni: dalla volontà di libertà espressa in CALMA APPARENTE dove si parla della famosa quiete prima della tempesta; TRATTO LEGGERO è uno di quei brani che lasciano un solco profondo: Cisco e Tonino Carotone sono i due artisti scelti per arricchire il brano che parla degli invisibili ovvero di coloro che non lasciano traccia.» Low Music

EMGO nasce dalla mente di Eusebio Martinelli, che dopo una lunga carriera in collaborazione con grandi artisti (Capossela, Bregovich, Negramaro, Sud Sound System, Biagio Antonacci, Modena City Ramblers, Calexico, Demo Morselli, Mark Ribot, Kocani Orkestar e tanti altri) decide di concentrare la sua solida esperienza nel progetto che da ormai 10 anni infiamma le piazze e i festival di tutta Italia ed Europa. Con i primi tre album, la band dà vita a importanti collaborazioni e tour, arrivando ad attraversare tutti i Paesi europei, da Marsiglia a San Pietroburgo. Durante la pandemia nascono ben due album, di cui il primo, “Trumpet Explosion”, apre gli orizzonti della band anche verso la musica colta e il mondo dei teatri, in cui Eusebio esprime il proprio virtuosismo e l’amore per la musica di autori come Chopin, Brahams e Paganini, avendo ulteriormente migliorato la propria tecnica studiando intensamente in lockdown. “SBAM!”, uscito nel 2022, segna una svolta nel sound e nel mindset della band.

 

Etichetta: Maninalto!

 

YouTube

https://www.youtube.com/c/EusebioMartinelliTrumpet

Instagram

https://www.instagram.com/eusebio_martinelli/

Facebook

https://www.facebook.com/eusebio.martinelli.gipsy.orkestar

Spotify

https://open.spotify.com/artist/58YykjuRTVIZmSvX1Gw53e

Website

https://www.eusebiomartinelli.com

 

l’altoparlante – comunicazione musicale

www.laltoparlante.it

info@laltoparlante.it

Aria - “A Christmas Letter”

Il nuovo progetto del producer e compositore Mariano Schiavolini

Un brano corale, dedicato al Natale, alla pace e alle donne, ispirato alle sonorità della Motown. “Christmas letter” è una canzone di Natale, un’invocazione alla pace, all’armonia e allo stare insieme, ma è anche soprattutto un brano dedicato alle donne e ai loro figli.

«Sono moltissime le donne che per motivi differenti si trovano lontane da casa e sono obbligate a rinunciare alla famiglia in un giorno così importante. Penso in particolare a tutte le donne che vivono condizioni di difficoltà, immerse nei conflitti e nel dolore che generano. Questa canzone è dedicata a loro.» Aria

Il testo, nato dalla penna dall’autrice e scrittrice di Cambridge Nicolette Turner, racconta di una mamma militare che è stata inviata in estremo oriente, presso un territorio di guerra, e scrive al proprio figlio promettendogli che farà tutto il possibile per essere presente a Natale e festeggiare insieme. A Christmas Letter, è una fusione tra musica soul e musica classica, con sonorità e arrangiamenti di ARIA che richiamano lo stile di George Gershwin. Lo sottolineano l’uso del clarinetto solista che accompagna la voce della cantante e gli archi armoniosamente dissonanti, tipici della musica atonale e nella musica sperimentale nei primi del 900.  

Il nuovo brano realizzato dal produttore e compositore polistrumentista è stato registrato in South Africa, nel famoso studio di registrazione Downtonw recording studios di Johannesburg, dove è stato girato anche il video. Una seconda parte della produzione è stata invece svolta al recording studios di Los Angeles da Jack Rouben, produttore di Gloria Gaynor, Aretha Franklin, Céline Dion, Earth, Wind & Fire. Alla registrazione del disco hanno preso parte la cantante afroamericana Sherita-o, The City of Prague Philharmonic con il violino solista della violinista Lucie Svehlova, oltre al coro macedone di voci bianche “Heruvimi” e un coro in lingua Zulù. Gli arrangiamenti orchestrali e l’orchestrazione sono stati realizzati da Aria.

Aria è ambientalista e animalista, attivo sostenitore di diverse associazioni, tra le quali Animals Asia Foundation impegnata a porre fine all'allevamento di orsi nelle “fattorie della bile” allevamenti intensivi di orsi tibetani, detti anche orsi della luna, dove tali animali vengono rinchiusi in gabbie strettissime per estrarne la bile, ingrediente utilizzato nella medicina tradizionale cinese. Nel 2013 Aria ha realizzato il sito www.ilvolodellaquila.it, un progetto multimediale che unisce musica e protezione dell'ambiente, in cui propone spezzoni di video sul regno animale accompagnati dalle sue musiche. Usandola come punto di partenza, Aria ha creato una prospettiva toccante e a volte stimolante sugli animali, e il pubblico assiste ai momenti più belli della natura e ai pericoli creati dall'uomo che la minacciano. Con oltre 1,5 milioni di visualizzazioni, il progetto ha riscosso un enorme successo nell'educare sulle questioni ambientali con il potere della musica. Aria è forse meglio conosciuto come membro fondatore della band prog-rock italiana originale Celeste (soprannominata "i King Crimson italiani") ed ha una lunga e ricca storia in varie culture musicali. È un punto fermo del festival musicale di Sanremo, dove vive, ponendosi quale ponte tra il mondo della musica italiana e quella britannica. Il suo personale percorso musicale abbraccia la creazione della principale etichetta discografica rock italiana Dischi Noi (RCA Distribution), arrivando a collaborare con artisti del calibro di Kit Woolven (David Bowie, Thin Lizzy) e Nick Griffits (Pink Floyd, Roger Waters) e Daniel Boone (The Who, Kraftwerk), fino alla produzione di concerti su Rock at Midnight per Italia1 Tv.

Aria è il nome d'arte di Mariano Schiavolini. Il concept e lo pseudonimo del nome sono nati come omaggio agli elementi della natura che ci ispirano a vivere e creare in armonia con ciò che ci circonda. Una volta che si perde il contatto con la natura non si è più sé stessi. Questa connessione, questo legame, è ciò che spinge Aria a dare vita a produzioni che spesso traggono una profonda ispirazione dal mondo naturale. Gli inizi di Aria sono stati molto più con i piedi per terra. Figura chiave della scena rock progressiva italiana e membro fondatore dei celebri Celeste (alias The King Crimson of Italy), Aria ha affinato la sua arte nei generi più sperimentali, collaborando anche con innumerevoli artisti e produttori del suo tempo: Kit Woolven, Nick Griffiths, Pete Hinton, Guy Bidmead, Daniel Boone, Simon Fraser, Dennis Herman e Will Reid Dick, per citarne alcuni. Negli ultimi anni Aria è tornato all'ovile, inserendosi nell'industria musicale con la musica “contaminata”. Con profondi temi lirici come la difficile situazione dei rifugiati in tempo di guerra, la devastazione dell'ambiente e la tragica scomparsa della fauna selvatica del nostro pianeta, fonde argomenti importanti con un melange di elementi musicali, come il rock progressivo, il soul e orchestre dal vivo. Collaborazioni più recenti sono il risultato di un recente viaggio in Sud Africa, dove Aria ha avuto il piacere di registrare con i membri della band della compianta Miriam Makeba, con Thuthukani Cele (di Lucky Dube fama) e il famoso Soweto Gospel Choir.

Lo scorso 22 aprile è uscito sul mercato internazionale, a supporto dell’evento della Giornata della Terra, il brano The next life, facente parte del doppio singolo contenente Lady in white. The next life è una canzone dedicata all’ambiente e agli animali in estinzione, il cui testo è stato scritto dall’autrice e cantautrice di Los Angeles Britt Warner ed ospita l’interpretazione del giovane rapper e ambientalista americano Ray Reed, di Huston.

 

Etichetta: Assieme

 

Instagram

www.instagram.com/ariathecomposer/

Sito web

www.ariamusicworld.com

 

l’altoparlante – comunicazione musicale

www.laltoparlante.it

info@laltoparlante.it

Five Hundred - “Noi due e basta”

Il nuovo singolo della band torinese

Richiami anni ‘80 per un’atmosfera da inizio serata, al contempo eccitante e nostalgica. “Noi due e basta” è un brano che narra di un amore impossibile, costretto a non andare avanti a causa dell’orgoglio dei due protagonisti. L’atmosfera di un inizio serata, con quel misto di carica e nostalgia che la caratterizza, crea l’ambiente in cui parlare di un’esperienza sentimentale che non è di nessuno, ma appartiene a tutti.

«Questo brano nasce lo scorso giugno, periodo in cui abbiamo ricercato e studiato un nostro possibile stile musicale che ci rappresentasse davvero e soprattutto ci piacesse. Le nostre ispirazioni, infatti, sono davvero diverse e spaziano molto tra l’indie pop italiano e l’R&B». Five Hundred

Five Hundred è una band pop di Torino attiva dal 2015. Nel maggio 2018 esce il loro primo EP "Dolci Ispirazioni" con i primi cinque inediti che descrivono le influenze musicali dei componenti. Dopo un anno di ricerca di una propria identità artistica, esce il singolo "Oggi ho scelto" caratterizzato da uno stile Indie Pop. Il 2020 è un anno chiave, determinato dall'uscita di due singoli come "Fuori Tempo" e "Non so il perché", con cui la band raggiunge la propria maturità artistica. Dopo un anno di inattività concertistica, il 16 aprile 2021 esce il loro nuovo singolo "Adrenalina", canzone che simboleggia una risposta positiva in contrapposizione al periodo storico. Grazie a questo singolo finiscono in varie playlist di Spotify e Apple Music e, inoltre, il 26 giugno 2021 partecipano al "Fatti Sentire Festival" trasmesso il 12 agosto dello stesso anno su Rai 2. Hanno all’attivo anni di concerti su diversi palchi come Hiroshima Mon Amour, Gru Village Festival e Ariston di Sanremo, con la partecipazione a Casa Sanremo e Sanremo Rock, la band decide di rendere pubblici i propri lavori in studio.

 

I Five Hundred sono:

Riccardo Ceccarelli - voce e chitarra

Federico Currà - basso

Erik Brienza - batteria

 

INSTAGRAM

https://www.instagram.com/fivehundredband/

FACEBOOK

https://www.facebook.com/fivehundredband

SITO WEB

https://fivehundredband.com/

 

l’altoparlante – comunicazione musicale

www.laltoparlante.it

info@laltoparlante.it

 

View older posts »

Search

Comments

There are currently no blog comments.